venerdì 30 settembre 2005

Roberts: 78-22. Avanti il prossimo

John Roberts è il 17esimo presidente della Corte Suprema. Dopo la conferma del Senato, con 78 voti favorevoli e 22 contrari, Roberts ha prestato giuramento alla Casa Bianca diventando, a 50 anni, il più giovane presidente di Corte Suprema degli ultimi due secoli. Gli Stati Uniti, adesso, attendono la prossima nomina del presidente Bush. E dopo il moderato che è riuscito a spaccare in due i democratici al Senato, l'ala conservatrice del partito repubblicano reclama il suo uomo. Sarà una battaglia all'ultimo sangue.

John Roberts is the 17th Chief Justice of the Supreme Court. After Senate’s confirmation, with 78 votes in favour and 22 against, Roberts sworn in at the White House and became, at 50 years of age, the youngest Chief Justice of the Supreme Court in the last two centuries. Now, United States wait for the next nomination by President Bush. And after the moderate that succeeded to divide the Democrats in the Senate, the conservative wing of Repubblican Party claims its own man. It will be a deathmatch.

MSM: TgCom (italiano), Fox News, CNN, ABC News, Washington Post, New York Times, Christian Science Monitor, San Francisco Chronicle, Jurist.
Blogs: Confirm Them (2-3-4), Powerline, Conservative Outpost, Bench Memos, Professor Bainbridge, Michelle Malkin, Libertarian Leanings, Underneath Their Robes, Angry in the Great White North, All Things Beautiful, Viking Pundit, RedState, Blogs for Bush, Outside the Beltway, GOP Bloggers, The Moderate Voice, Protein Wisdom, Right Voices, The Cassandra Page, Wizbang!, The Political Teen, Althouse, The Sundries Shack, In the Bullpen, Stones Cry Out, Barking Moonbats EWS.

mercoledì 28 settembre 2005

Double standard

Immaginate un senatore repubblicano, potente e bianco. Immaginate una donna giovane (ma neppure troppo) che lavora nel suo staff da anni. Immaginate che questa sua collaboratrice infranga un paio di leggi federali (di sua iniziativa?) per procurarsi documenti riservati che riguardano un avversario politico del senatore. Immaginate che questo rivale sia democratico e nero. Immaginate i titoli del New York Times sulla vicenda. Stampateveli in testa. Ora continuate ad immaginare la stessa storia senza cambiare una virgola, ma semplicemente invertendo i nomi dei due partiti. Immaginate che il senatore, potente e bianco, sia il democratico Chuck Schumer. E che il suo avversario sia il repubblicano Michael Steele, a pochi mesi da una difficile sfida elettorale che lo vede impegnato in Maryland. Adesso provate di nuovo ad immaginare i titoli del New York Times. Come dite? Non riuscite proprio ad immaginarli? Appunto.

Just imagine a Republican senator, powerful and white. Just imagine a young (but not too much) lady that has been working in his staff for years. Just imagine that this staffer breaks a couple of federal laws (by her initiative?) to get restricted documents concerning a political opponent of the senator. Just imagine that this opponent one is Democratic and black. Just imagine The New York Times’ headlines on the affair. Print them in your head. Now keep on imagining the same story without changing a single word, but just swapping the names of the two parties. Just imagine that the senator, powerful and white, is the Democrat Chuck Schumer. And that his opponent is the Republican Michael Steele, few months away from a difficult electoral challenge in Maryland. Now try again to imagine The New York Times’ headlines. What do you say? Can’t you imagine them at all? That’s my point.

MSM: New York Post, Washington Times, Washington Post, WBAL, The Hill, RenewAmerica, Newsday, Men's News Daily.
Blogs: Michelle Malkin (2-3) , Hugh Hewitt (2), Radio Blogger, Captain's Quarters, Jack Yoest, The Hedgehog Report, Polipuntdit, Jeff Gannon, Kennedy vs The Machine, GOP Bloggers, Atlas Blogged, David Boyd, The Political Teen, Powerpundit, Gall & Wormwood, Conservative Outpost, Conservative Musings, Scipio the Metafalcon, Politickal, Thoughts Online, The New Editor, Political Fan, Boxer Watch, Swanky Conservative.

domenica 25 settembre 2005

Weekend Round-Up/4. Blogosphere (Italia)

Non mollare!
Il Sorvegliato Speciale
Berlusconi Zen e l'arte della guerra
A Conservative Mind
Una spinta verso il partito unico
Il Castello
Non tutto è perduto
Fini riscopre il partito unitario
e ipoteca la linea di successione
Il compromesso è paralizzante: Italia
Consigli per gli elettori di centrosinistra
che intendono votare alle primarie del centrodestra

Avanti col Tremonti-ter!
Sul viale del Tremonti
Calamity Jane
Il primato della politica

Libero premio in libero stato
L’arma degli imbecilli
Neocon Italiani
Fischiato non il cardinale,
ma il leader politico Ruini

Pacs denaro e ipocrisie

Libero fischio in libera piazza

Il siluro del Manifesto su Marrazzo
In margine ad una polemica:
Tremaglia, Bocca e gli altri

Una Repubblica Democratica Popolare
Sima 'di càn da paìs!
Unione nei fatti
Irriducibilmente a sinistra, napocrisi
Cocenti delusioni a Sinistra.
Fassino e il Biglietto Galeotto


Cina e dintorni
La sfida nucleare dell'Iran
e la debolezza morale europea

Semplicemente Liberale
Shock and Awe
Al voto la Polonia idraulica
Walking Class
Clamoroso a Kabul
Face the Truth
Nozze gay in Canada, tra vescovi e ribaltoni
Hitchens Vs. Galloway update

Contro l'armonizzazione
Fallimenti del governo
Il motel dei polli ispirati
Più occupazione senza prodotto. Perchè?
Calig's Blog
Autolesionismo fiscale

Apologia del relativamente stupido
Blog Notes
Troppo liberali, poco nazionalisti
Mentre latitiamo... compriamo libri
Elezioni politiche 2006 e Internet:
Vademecum per politici

Marco Montemagno
Rosminiana - resoconto
Di parole che pesano come pietre,
di cose mai avvenute
The hole in the wall

Weekend Round-Up/3. Blogosphere (USA)

The Third Republican Revolution?
Ace of Spades HQ
Colin Powell with Clout
Not having any fun?
The Anchoress
Roberts’s Answers to Written Questions
Patterico's Pontifications
Judge Roberts’ Litmus Test
California Conservative
RSC takes leadership on fiscal conservatism


A Day Among the Moonbats
Michelle Malkin
The Protest That Wasn't
No Oil for Pacifists
Conspiracy Theories Abound
at Sheehan Antiwar Rally

The Jawa Report
Waiting on Ramsey Clark!
Gateway Pundit
Clinton Criticizes Bush
on ABC's This Week (Yawn!)
A Large Regular
Polarization and the Blogosphere
The QandO Blog
Would the Last One Leaving
Punch Out His Lights, Please?

The Anti-Idiotarian Rottweiler
Air America's Odd Pledge Drive
The Radio Equalizer
Democrats on filibuster: Just say no!
My Vast Right Wing Conspiracy
Get the ACLU Off the Taxpayers Dole
Musing Minds
Barbara Boxer on Katrina Lessons
Learned: Only Blame Republicans

Independent Sources

Battle For Mosul III: Prelude
Michael Yon
Who Is Dr. Preisser?
Captain's Quarters
Hostage Forced to Bash Bush
The Jawa Report
0% of Polled Americans are in Iraq
Say Anything

Never Pay Retail
Michael Schiavo Speaks at Ethics Conference
The Minute Men & Their Opponents
NY Girl
It takes a disaster

Countdown to the weekend
Breakfast and Lunch
Basil's Blog
Open Trackbacks
My Vast Right Wing Conspiracy
Carnival of the Trackbacks

sabato 24 settembre 2005

Weekend Round-Up/2. New Media

Katrina Recovery (pdf)
Newt Gingrich,
Hurricane Tracker
The Communist Menace Reappears in South America
A.M. Mora y Leon, RealClearPolitics
The Matter with Kansas Can Be
Understood at Woolworth's

Lee Harris, Tech Central Station
“Oh No, the BBC!”
Rich Lowry, The Corner
The Technorati Candidate
Dominic Basulto, Tech Central Station
Can Bloggers Strike It Rich?
Adam L. Penenberg, Wired News
Warren Beatty: Schwarzenegger “Fascist”
Left-wing Monsters: Arafat
David Meir-Levi, FrontPageMagazine
Israel: Al-Qaida likely in Gaza
Aaron Klein,
New Florida Poll: Gov. Jeb Bush
Could Capture U.S. Senate Seat
Jimmy Carter: Gore beat Bush in 2000
Joe Kovacs,
Rush Limbaugh Named 'Personality of the Year'
Press Corps "Stuck on Stupid" Questions
Google builds an empire to rival Microsoft
Elinor Mills, CNET

Weekend Round-Up/1. Mainstream Media

Goodbye to All That.
Is this the end of “compassionate conservatism”?

Jonah Goldberg, National Review
Back to Basics
William Kristol, Weekly Standard
Whatever It Takes
Peggy Noonan, Wall Street Journal
Judiciary Committee approves Roberts
Charles Hurt, Washington Times
The Wrong Battle
Eleanor Clift, Newsweek
For '08 Dems, a tough choice lies just ahead
Jonathan Allen, The Hill
Roberts vote presents dilemma for Senate Democrats
Gail Russell Chaddock, Christian Science Monitor
President Bush Is ‘‘Our Bull Connor’’
Meghan Clyne, New York Sun
New Orleans disaster highlights
the failure of the welfare state

Rich Lowry, Salt Lake Tribune
Snubbing Democracy
Ralph Peters, New York Post
The Reporters Who Didn't Bark
Hugh Hewitt, Weekly Standard
Long Run. Unfortunately, Kerry Isn't Giving Up
Michael Crowley, New Republic
Dr. Wolfowitz, I Presume
Paul A. Gigot, Wall Street Journal
Castro's Web
Investor's Daily Business

venerdì 23 settembre 2005

Ideazione, blog in copertina

La rivoluzione dei blog ispira la sezione di apertura del nuovo numero di Ideazione in edicola. Insieme all'articolo del sottoscritto, sulla crisi del giornalismo tradizionale e l'esplosione dei new media, la sezione ospita gli interventi di Giuseppe Granieri ("Apologia del network relativamente stupido"), Davide Bennato ("Una Rete di opinioni pubbliche"), Paolo della Sala ("Blog e neo-democrazia. Semiotica del Web"), Christian Rocca ("I ragazzi in pigiama che stanno cambiando gli Stati Uniti"), Enzo Reale ("L’altra faccia dell’Europa") e Federico Punzi ("Un arsenale per la democrazia"). Tra un paio di settimane, su, questa sezione sarà pubblicata online nella sua versione integrale. Sono invece già online l'editoriale di Nicola Porro sul caso Fazio, l'intervista a Marcello Pera di Giovanni Orsina, e l'articolo di Vittorio Macioce sulla flessibilità del lavoro. Chi non si precipita in edicola, Prodi lo colga!

giovedì 22 settembre 2005

Blog, il libero mercato delle idee

Sono almeno due le letture obbligatorie per chi voglia cercare di comprendere, anche se con un po’ in ritardo, la rivoluzione che sta scuotendo le fondamenta del sistema mondiale dell’informazione. Il primo libro è Blog, scritto all’inizio di quest’anno dall’americano Hugh Hewitt, commentatore radiofonico della destra repubblicana, blogger di successo e autore emergente della nuova editoria conservatrice. Il secondo è Blog Generation, dell’italiano Giuseppe Granieri, uno dei maggiori esperti italiani di comunicazione e culture digitali del nostro paese (scrive, tra l’altro, per il Sole24Ore) e blogger della prima ora che si dichiara “progressista ragionevole”. Si tratta di due libri molto diversi ma che – malgrado l’estrazione ideologica dei loro autori – giungono ad una conclusione sorprendentemente simile: la storia d’amore tra l’opinione pubblica e i tradizionali mezzi d’informazione è finita. E qualcos’altro – chiamatela blogosfera, se volete – sta gradualmente colmando questo vuoto di fiducia. (continua su

There are at least two obligatory readings for the ones that want to try to understand, though with a little delay, the revolution that is shaking the roots of the world information system. The first one is "Blog", written at the beginning of this year by American Hugh Hewitt, right-wing talk radio host, blogstar and emerging author of the new conservative publishing trade. The second one is "Blog Generation", by Italian Giuseppe Granieri, one of the main Italian experts on communication and our country's digital cultures (he writes, among other media, for "Il Sole 24Ore") and early-blogger who defines himself a "reasonable progressive". We are talking about two books very different one from the other but which - notwithstanding the ideological extraction of their authors - get to a surprisingly similar conclusion: the love story between public opinion and traditional media is over. And something else - you can call it blogsphere, if you wish - is gradually filling this trust-vacuum. (continues on

mercoledì 21 settembre 2005

Happy Birthday to The Right Nation! :)

Il 21 settembre 2004, con questo post, nasceva The Right Nation, che all'epoca si chiamava Usa 2004. Il blog elettorale di Dopo l'infuocata campagna che ha visto la riconferma del presidente Bush - e dopo una lunghissima notte che non ci scorderemo tanto facilmente (anche perché le nostre previsioni erano queste) - è nata la Right Nation come la conoscete oggi. E' stato un anno lunghissimo, difficile ed esaltante, che ci ha permesso di conoscere un numero sterminato di amici (amici veri) e che ha visto la nascita di una creatura virtuale che muove ancora i primi passi ma che sembra destinata a correre a lungo nelle praterie del cyberspazio. Tanti auguri a noi, e mille di questi giorni! :)

On September 21, 2004, with this post, came to life The Right Nation, whose name was at that time Usa 2004.’s electoral blog. After the hot campaign ended up with President Bush’s victory – and after an endless night that we will not forget so easily (also because our forecast was this) – came to birth the Right Nation you know today. It has been a very long, difficult and exciting year that let us make a huge amount of friends (real friends) and that witnessed the birth of a virtual creature that is still moving his first steps but looks destined to run for a long time in cyberspace’s prairies. Many best wishes to ourselves, and thousands of days as this one! :)

martedì 20 settembre 2005

Stessa faccia, stessa razza

Uno splendido post di Mariniello mette in luce le inquietanti analogie tra sinistra e destra sociale. Trent'anni fa, con le debite proporzioni, la situazione non era molto diversa.

"Il tribunale del popolo ha deciso di porre fine al bieco operato di Francesco Coco e lo ha condannato a morte. Ora questa sentenza è stata eseguita e gli aguzzini del popolo possono stare sicuri che se il proletariato ha una pazienza infinita ha anche una memoria prodigiosa, e che alla fine niente resterà impunito. Magistratura, polizia, carabinieri, carceri, costituiscono ormai un blocco unico, sono le articolazioni cardine di uno stesso fronte militare che lo Stato delle multinazionali schiera contro il proletariato. L'unica alternativa di potere è la lotta armata per il comunismo. Occorrerà acuire la crisi di regime, puntando l'attacco al cuore dello Stato, occore rafforzare il potere proletario armato costruendo il partito combattente". (8 giugno 1976 - Brigate Rosse: rivendicazione dell'omicidio del procuratore generale di Genova, Francesco Coco)

"La giustizia borghese si ferma all'ergastolo, la giustizia rivoluzionaria va oltre. Un tribunale speciale ha giudicato Vittorio Occorsio e lo ha ritenuto colpevole di avere, per opportunismo carrieristico, sevito la dittatura democratica, perseguitando i militanti di Ordine Nuovo, le idee di cui questi sono portatori. L'atteggiamento inquisitorio tenuto dal servo del sistema Occorsio non è meritevole di alcuna attenuante. L'accanimento da lui usato nel colpire gli ordinovisti la ha degradato a livello di un boia. Anche i boia muoiono. La sentenza emessa dal tribunale del movimento politico Ordine Nuovo è di morte, e sarà eseguita dal uno speciale nucleo operativo. Avanti per l'ordine nuovo!" (10 luglio 1976 - Ordine Nuovo: rivendicazione dell'omicidio sostituto procuratore di Roma, Vittorio Occorsio)

A wonderful post by Mariniello puts some light on the alarming similarities between italian extreme left and extreme right. Thirty years ago, with the due proportions, the situation was not very different.

"The people’s tribunal decided to put an end to the sinister work of Francesco Coco and sentenced him to death. Now this sentence was executed and the people’s torturers can be sure that if proletariat has an infinite patience it also has an astonishing memory, and that at the end nothing will remain unpunished. The judiciary, police, carabinieri, jails make up by now a single block, they are the basic articulations of a same military front that the multinationals’ state is lining up against proletariat. The only power alternative is the armed struggle for communism. It will be needed to sharpen the regime’s crisis, aiming the attack to the state’s heart, it is needed to give strength to the armed proletariat’s power building the fighting party". (June 8, 1976 – Red Brigades: claim of the homicide of Genoa’s general attorney, Francesco Coco)

"The bourgeois justice gets up to the life jail sentence, revolutionary justice goes beyond. A special tribunal has judged Vittorio Occorsio and found him guilty to have, for career opportunism, served democratic dictatorship, persecuting Ordine Nuovo’s militants, the ideas of which they are bearers. The inquisition’s attitude kept by the system’s serf Occorsio does not deserve any clemency. The fury used by him in hitting the “ordinovisti” degraded him to the level of a executioner. Also the executioners die. The sentence emitted by the tribunal of the political movement Ordine Nuovo is one of death, and it will be executed by a special operative nucleus. Forward for thwe new order!" (July 10, 1976 - Ordine Nuovo: claim of the homicide of Roma’s general attorney, Vittorio Occorsio)

* Note for American Readers: Red Brigades (extreme left) and Ordine Nuovo (extreme right) were terrorist groups operating in Italy in the 70's/80's.

Freedom Fighters/3

"La libertà non è mai più di una generazione lontana dall'estinzione. Non l'abbiamo trasmessa ai nostri figli nel sangue, ma deve essere difesa, protetta e passata a loro perché facciano lo stesso, oppure un giorno trascorreremo i nostri ultimi anni raccontando ai nostri figli, e ai figli dei nostri figli, com'erano una volta gli Stati Uniti, quando gli uomini erano liberi". (Ronald Reagan, 1984)

"Freedom is never more than one generation away from extinction. We didn't pass it to our children in the bloodstream. It must be fought for, protected, and handed on for them to do the same, or one day we will spend our sunset years telling our children and our children's children what it was once like in the United States where men were free". (Ronald Reagan, 1984).

Freedom Fighters/2

"L'estremismo in difesa della libertà non è un vizio. La moderazione nel perseguimento della giustizia non è una virtù". (Barry Goldwater, 1964)

"Extremism in the defense of liberty is no vice. Moderation in the pursuit of justice is no virtue". (Barry Goldwater, 1964).

Freedom Fighters/1

"Non voglio abolire il governo. Voglio semplicemente ridurne la grandezza fino a quando non posso trascinarlo in bagno e affogarlo nella vasca". (Grover Norquist, 2001)

"I don't want to abolish government. I simply want to reduce it to the size where I can drag it into the bathroom and drown it in the bathtub". (Grover Norquist, 2001).

lunedì 19 settembre 2005

Don't Panic!

A prima vista, non sembrano esserci dubbi: i cittadini degli Stati Uniti ne hanno abbastanza di George W. Bush. A meno di un anno dalla sua trionfale rielezione, l'inquilino della Casa Bianca crolla in tutti i sondaggi, a volte scendendo addirittura al di sotto della "soglia fatale" del 40%. Nel sondaggio di Newsweek, per esempio, il presidente non va oltre un imbarazzante 38%. E l'immagine di Bush è messa a dura prova anche dai sondaggi di FoxNews (41%), CBS News e New York Times (41%), NBC News e Wall Street Journal (40%), ABC News e Washington Post (42%), Pew Research (40%), Time (42%). Tutto vero, dunque? Hanno ragione (per una volta) i media che - al di là e al di qua dell'Atlantico - sparano a zero sull'amministrazione repubblicana? La questione è più complessa di quello che sembra. Perché sono almeno due i pollster che, negli ultimi giorni, hanno disegnato uno scenario tutto sommato rassicurante per la destra americana in vista delle elezioni di mid-term 2006. E si tratta di sondaggi che, per una serie molto solida di ragioni, vanno tenuti nella massima considerazione. I numeri di Gallup (per CNN e Usa Today), per esempio, che da decenni sono considerati l'indice per eccellenza del job-approval di un presidente, segnalano Bush in crescita al 46%. Mentre Rasmussen Reports (da cui è tratto il grafico qui sopra) vede il presidente oscillare intorno al 47% dall'inizio di settembre, senza essere mai andato sotto il 44%. E' interessante notare come Rasmussen, a differenza di tutti gli altri istituti di ricerca, continui a misurare il job approval quotidianamente dall'inizio del 2004, utilizzando un campione più ampio della concorrenza e aggregando i dati relativi ad un arco temporale di tre giorni per minimizzare l'influenza di "rumori statistici". Ebbene, senza rumori di fondo, i numeri di Bush sono molto meno brutti di quello che ci raccontano i giornali. Senza contare che i fedelissimi del presidente possono trovare anche un altro motivo per non lasciarsi andare al disfattismo. Sapete quale è stato, lo scorso novembre, il sondaggista che - mentre Zogby dava i numeri (in senso stretto) - ha previsto con maggiore precisione l'esito delle elezioni presidenziali e delle singole sfide di Camera, Senato e Governatori? Vi regaliamo un indizio: il suo nome inizia con Rasm e finisce con Ussen.

At a first sight, it looks like there cannot be no doubts: US citizens are fed up with George W. Bush. Less than a year from his triumphant re-election, the White House tenant is crushing in all the public opinion polls, in some cases even sliding below the “fatal threshold" of 40%. In Newsweek’s poll, as an example, the President doesn’t go beyond an embarrassing 38%. And Bush’s image is put under heavy pressure also by the polls of FoxNews (41%), CBS News and New York Times (41%), NBC News and Wall Street Journal (40%), ABC News and Washington Post (42%), Pew Research (40%), Time (42%). So, is it all true? Are finally right (for once) the media that – on both shores of the Atlantic Ocean – keep shooting at the Republican administration? The question is more complicated than it looks to be. Because at least two pollsters, in the last days, have been drawing an after all reassuring scenario for the American right in sight of 2006 mid-term elections. And we are dealing with polls that, for a series of very sound reasons, we have to keep in the highest consideration. Gallup’s figures (for CNN and Usa Today), which since decades are considered the most reliable index of job-approval of a President, for instance, show Bush in growth at 46%. While Rasmussen Reports (that is the source of the above graph) sees the President swinging around 47% from the beginning of September, without never getting below 44%. It’s interesting to note how Rasmussen, differing from all remaining pollsters, keeps on measuring job approval on a daily basis since the start of 2004, using a broader sample than his competitors and summing the data related to a time span of three day to minimize the influence of “statistical noise”. Well, without background noises, Bush’s figures are by far less ugly than newspapers tell us. Without counting that the most faithful supporters of the President can find a further reason not to surrender to defeatism. Do you know who was, last November, the pollster that - while Zogby fussed with numbers (literally) – forecast with the closest precision the outcome of the presidential elections and of the individual challenges of House, Senate and Governorships? We provide you a hint: his name starts by Rasm and ends by Ussen.

La Germania spezzata

Ha perso la Merkel. Ha perso Schröder. Ha perso la Germania.

sabato 17 settembre 2005

Influenza dei polli


(ANSA) NEW YORK, 16 SET- Al controvertice di Bill Clinton parlerà Hillary: la senatrice dello stato di New York interverrà sui cambiamenti climatici nel globo. Molti altri vip della politica sono attesi in quella che Clinton ieri ha definito "non una passerella, ma un foro dove si sottoscrivono impegni concreti": tra questi il leader dell'Unione Romano Prodi, atteso a un panel sulla religione come fonte di conflitto ma anche di riconciliazione.

(ANSA) NEW YORK, September 16- At Bill Clinton’s counter-summit is programmed a speech by Hillary: the New York State Senator will talk about global climate change. Many other political VIPs are expected to participate to what just yesterday Clinton called “not a catwalk, but a forum where concrete engagements are signed”: among them Romano Prodi, leader of the Unione (editor’s note: the coalition of Italian leftist parties), scheduled for a panel on religion as a source of conflict but also of reconciliation.

(AP) NEW YORK, 16 settembre, 6:24 PM EDT – Se è una conferenza su temi globali, ci devono essere delle celebrità.La moda imperante di facce famose che si mostrano in quelli che sembrerebbero essere paradisi riservati ai secchioni della politica è stata confermata in pieno alla conferenza della Clinton Global Initiative, organizzata dall’ex presidente. Il cantante Elvis Costello è stato individuato giovedì mentre chiacchierava con Clinton in un party a notte fonda e il pezzo grosso della Tv Oprah Winfrey ha partecipato a un panel sulla povertà. Gli attori Brad Pitt e Chris Tucker e l’impresario hip-hop Sean "Diddy" Combs sono andati a un pranzo venerdì.

(AP) NEW YORK, September 16, 6:24 PM EDT - If it's a conference on global issues, there must be celebrities. The ever-so-hot trend of famous faces showing up at what would seem to be policy wonk heaven was in full effect at the Clinton Global Initiative conference, organized by the former president. Singer Elvis Costello was spotted chatting with Clinton at a late-night party Thursday, and media mogul Oprah Winfrey attended a session on poverty. Actors Brad Pitt and Chris Tucker and hip-hop entrepreneur Sean "Diddy" Combs went to a luncheon on Friday.

venerdì 16 settembre 2005

Attiva i Feed! Salverai un aggregatore :)

Comunicazione di servizio per tutti i cittadini di TocqueVille. Sul blog di Robinik è partita, in grande stile, la campagna pro-feed per scongiurare l'estinzione degli aggregatori volontari. Chi non legge (e chi non attiva i feed) è un Indymediota!

giovedì 15 settembre 2005

La vera storia di Joe McCarthy

Che a Joe McCarthy piacesse scegliersi i propri bersagli, non è mai stato un mistero. Almeno da quando i marines della base di Guadalcanal decisero di chiamarlo “Tail Gunner Joe”, perché gli piaceva sparare dalla mitragliatrice di coda dei bombardieri Helldiver durante le missioni di ricognizione nel sud del Pacifico. La precisione della sua mira, però, sarebbe rimasta un’incognita per molti decenni, fino alla parziale apertura degli archivi del Kgb a Mosca e alla declassificazione del Venona Project che avrebbero reso giustizia alla sua battaglia anticomunista. Gli unici a conoscere la verità, fino a quel momento, erano stati proprio i suoi nemici.

Su, insieme ai due recenti editoriali di Giuliano Ferrara e Paolo Guzzanti sull'argomento, i quattro (lunghi) articoli sulla vita di McCarthy scritti dal sottoscritto nel gennaio-febbraio di quest'anno per Il Foglio. "La vera storia di McCarthy" (non quella raccontata da George Clooney, per intenderci) è divisa in quattro capitoli: 1) Il senatore venuto dal nulla; 2) La prima mossa di McCarthy; 3) Tail-Gunner Joe va alla guerra; 4) Il tramonto del red-hunter.

The fact that Joe McCarthy liked to choose his own targets has never been a mistery. At least since the marines in Guadalcanal base decided to call him “Tail Gunner Joe”, beause he liked to fire from the back machine guns of Helldivers bombers during his patrol missions in South Pacific. The accuracy of his aim, however, would have been unknown for many decades, until the partial disclosure of KGB in Moscow and the declassification of the Venona Project that were to render justice to his anticommunist battle. The only ones to know the truth, up to that moment, were just his enemies.

On, in addition to recent editorials by Giuliano Ferrara and Paolo Guzzanti on the same subject, the four (long) articles on McCarthy’s life written by myself in January-February of this year for Il Foglio. "The true McCarthy’s story" (not the one told by George Clooney, just to be clear) is divided into four chapters: 1) The Senator that came from nowhere; 2) McCarthy’s first move; 3) Tail-Gunner Joe goes to war; 4) The sunset of the red-hunter.

sabato 10 settembre 2005

Tribute to America

"Come canadese, credo sia giunta l’ora di spendere una parola in favore degli Americani: il popolo più generoso e, se possibile, meno apprezzato della terra. Germania e Giappone, e in misura minore, Gran Bretagna e Italia, sono stati tirati fuori dal disastro della guerra proprio dagli americani che hanno procurato loro miliardi di dollari e condonato altre migliaia di miliardi di debiti. Nessuno di questi paesi sta oggi pagando agli Stati Uniti neppure gli interessi di quel che rimane di quei debiti. Quando il franco era sull’orlo del collasso nel 1956, furono gli Americani a correre in soccorso e come ringraziamento ottennero solo insulti e improperi gridati per le strade di Parigi. Ero lì. L’ho visto.Ogni volta che un terremoto colpisce qualche lontana città, sono gli Stati Uniti che corrono in aiuto. Questa primavera, 59 comunità americane sono state spazzate via dai tornadi. Nessuno è arrivato a dar loro una mano. Il piano Marshall e la politica di Truman hanno pompato miliardi di dollari verso tutti i paesi disastrati. Oggi i giornali di quegli stessi paesi descrivono un’America decadente e guerrafondaia. Vorrei proprio vedere uno solo di questi paesi, che oggi gongolano per l’erosione del dollaro, costruire il proprio aereoplano. Esiste un altro paese al mondo che abbia costruito aerei come il Boeing Jumbo Jet, il Lockeed Tri-Star, o il Douglas DC10? Se esiste, perché non li usa? Perché tutte le linee aeree internazionali (ad eccezione di quella russa) utilizzano aerei americani? Perché nessun altra nazione ha mai considerato di mandare un uomo o una donna sulla luna? Quando si parla della tecnologia giapponese vengono in mente le radio. Quando si parla della tecnologia tedesca saltano alla mente le automobili. Ma quando si parla della tecnologia americana subito si pensa a uomini e donne sulla luna – non solo una volta, ma tante – che poi tornano sani e salvi a casa. Quando le ferrovie francesi, tedesche e indiane sono andate distrutte nel corso degli anni, sono stati gli americani a ricostruirle. Quando la Pennsylvania Railroad e la New York Central si ruppero, nessuno venne ad offrire neppure un vecchio cavo usato per ripararle. Entrambe quelle ferrovie sono ancora rotte. Se ci penso posso facilmente elencare 5.000 occasioni in cui gli americani sono corsi in aiuto di altri popoli in difficoltà. Ma voi, potete portarmi un solo esempio di qualcuno che sia mai venuto a soccorrere gli americani in difficoltà? Forse neppure per il grande terremoto di San Francisco arrivarono mai aiuti esterni. I nostri vicini hanno affrontato tutto da soli, e io sono un canadese dannatamente stufo di sentirne parlare male. Anche da questo disastro verrano fuori da soli, tenendo alta la loro bandiera".
(Gordon Sinclair, 5 giugno 1973)

"This Canadian thinks it is time to speak up for the Americans as the most generous and possibly the least appreciated people on all the earth. Germany, Japan and, to a lesser extent, Britain and Italy were lifted out of the debris of war by the Americans who poured in billions of dollars and forgave other billions in debts. None of these countries is today paying even the interest on its remaining debts to the United States. When the franc was in danger of collapsing in 1956, it was the Americans who propped it up, and their reward was to be insulted and swindled on the streets of Paris. I was there... I saw it! When earthquakes hit distant cities, it is the United States that hurries in to help. This spring, 59 American communities were flattened by tornadoes. Nobody helped. The Marshall Plan and the Truman Policy pumped billions of dollars into discouraged countries. Now newspapers in those countries are writing about the decadent, war-mongering Americans. I'd like to see just one of those countries that is gloating over the erosion of the United States dollar build its own airplanes. Does any other country in the world have a plane to equal the Boeing Jumbo Jet, the Lockheed Tri-Star, or the Douglas DC10? If so, why don't they fly them? Why do all the International lines except Russia fly American Planes? Why does no other land on earth even consider putting a man or woman on the moon? You talk about Japanese technocracy, and you get radios. You talk about German technocracy, and you get automobiles. You talk about American technocracy, and you find men on the moon - not once, but several times - and safely home again. You talk about scandals, and the Americans put theirs right in the store window for everybody to look at. Even their draft-dodgers are not pursued and hounded. They are here on our streets, and most of them, unless they are breaking Canadian laws, are getting American dollars from ma and pa at home to spend here. When the railways of France, Germany and India were breaking down through age, it was the Americans who rebuilt them. When the Pennsylvania Railroad and the New York Central went broke, nobody loaned them an old caboose. Both are still broke. I can name you 5000 times when the Americans raced to the help of other people in trouble. Can you name me even one time when someone else raced to the Americans in trouble? I don't think there was outside help even during the San Francisco earthquake. Our neighbors have faced it alone, and I'm one Canadian who is damned tired of hearing them get kicked around. They will come out of this thing with their flag high".
(Gordon Sinclair, June 5th 1973)

venerdì 9 settembre 2005

Le verità nascoste/2

C'è qualcuno ancora più colpevole del sindaco di New Orleans, in questa tragedia: il governatore democratico della Louisiana, Kathleen Babineaux Blanco. Fino all'ultimo momento, e contro ogni logica, la Blanco ha continuato a negare la sua autorizzazione ad evacuare la città. E abbiamo dovuto aspettare Fox News per sapere del durissimo contrasto tra sindaco e governatore su questo argomento. Come sottolineano Hugh Hewitt e The Corner di National Review, inoltre, la Blanco ha impedito alla Croce Rossa di portare generi di conforto al Superdome dopo il passaggio dell'uragano (e immediatamente prima dell'inondazione), allo scopo di "costringere" le persone ad andarsene da New Orleans. Le stesse persone di cui aveva impedito l'evacuazione forzata. Se non credete alla solita Fox News (ecco il video, via The Political Teen), controllate direttamente sul sito della Croce Rossa. Se invece siete sani di mente, leggete anche il testo dell'intervista radiofonica di Hewitt al reporter (Major Garret) che ha diffuso la notizia. The Mudville Gazette, infine, entra negli imbarazzanti dettagli di una battaglia politica tra il sindaco e il governatore che va avanti dall'aprile del 2003. Come scrive Glenn Reynolds, "molti politici nei prossimi giorni rimpiangeranno di aver iniziato troppo presto la caccia al responsabile". Quasi tutti sono democratici. (Le verità nascoste/1)

There is somebody even more guilty than New Orleans' Mayor, in this tragedy. We are talking about the democratic Governor of Louisiana, Kathleen Babineaux Blanco. Up to the last moment, and against any common sense, Ms Blanco kept on denying her authorization to evacuate the city. And we had to wait Fox News to learn about the very rough quarrel between the Mayor and the Governor on this subject. As it's pointed out by Hugh Hewitt and The Corner of The National Review, moreover, Ms Blanco inhibited Red Cross to deliver foodstuff and other relief materials into Superdome after the transit of the hurricane (and just before the flooding), with the purpose to "oblige" people to leave New Orleans. The same people for whom she had inihibited the forced evacuation. If you don't believe to the usual Fox News (here is the video, via The Political Teen), you can check directly in Red Cross' website. On the contrary, if you have healthy brains, you can also read the transcript of the radio interview by Hewitt to the reporter (Major Garret) that broke the news. The Mudville Gazette, lastly, gets into the embarassing details of a political confrontation between the Mayor and the Governor that is taking place since April 2003. As Glenn Reynolds writes, "many politicians will regret starting up the finger-pointing operations so soon". Nearly all of them are Democrats.

Le verità nascoste/1

(click to enlarge the picture)

Una raffica di notizie clamorose ribalta, inaspettatamente, il fuoco incrociato di accuse tra Democratici e Repubblicani sulla disastrosa gestione dell'emergenza-Katrina a New Orleans. Ecco la prima. Come è drammaticamente evidente nella foto qui sopra (clicca qui per ingrandire), scattata da un satellite della NASA, il 31 agosto alle 10 di mattina un grande ponte sul fiume Mississippi (il Crescent City Connection) e le sue rampe di accesso erano ancora accessibili dal centro della città. In almeno quattro zone non ancora raggiunte dall'acqua si notano benissimo circa 500 autobus, che potevano essere utilizzati per evacuare le persone "internate" dal sindaco Nagin al Superdome o al Convention Center. Esattamente lo stesso numero di autobus che Nagin ha rivelato di aver chiesto all'amministrazione Bush, accusandola di non essere intervenuta in tempo. Ed erano disponibili quattro giorni prima dell'evacuazione del Superdome (fonte: Rambling's Journal via Protein Wisdom). Già il 3 settembre, grazie a Google Earth, JunkYardBlog aveva scoperto 146 autobus parcheggiati a meno di un miglio dallo stadio. Evidentemente, spiega Newsmax, il sindaco Nagin non si accontentava di qualche scalcinato scuola-bus giallo ma puntava al comfort ineguagliabile dei Greyhound. (Le verità nascoste/2)

A blast of resounding news overturns, abruptly, the crossfire of accusations between Democrats and Republicans on the dredful management of Katrina's emergency in New Orleans. Here is the first one. As it appears dramatically in the above picture (click here to get an enlargment), taken by a NASA satellite on August 31 at 10 AM, a big bridge on Mississippi river (the Crescent City Connection) and his entrance ramps were still accessible from downtown. In at least four areas not yet reached by water one can observe very well about 500 buses, that could have been used to remove people "detained" by Mayor Nagin inside Superdome or Convention Center. Exactly the same number of buses Nagin revealed to have asked for to the Bush administration, charging it not to have gotten into action on time. And they were available four days before evacuation from Superdome (source: Rambling's Journal via Protein Wisdom). Back on September 3, thanks to Google Earth, JunkYardBlog had discovered 146 buses parked at less than a mile from the stadium. Clearly, explains Newsmax, Mayor Nagin did not settle for a worn yellow school-bus, but was looking for Greyhound's unmatched comfort.

giovedì 8 settembre 2005

Charles Murray: Human Accomplishment

Definendo e misurando la topologia dell'eccellenza nelle arti e nella scienza durante l'arco di tre millenni, Human Accomplishment di Charles Murray scala le vette delle conquiste umane e poi scandaglia le loro fondamenta. In un mondo di relativismo culturale e diversità sentimentale, osa esporre una teoria della gerarchia fondata su strutture stabili e ideali oggettivi. [...] Raggiungendo i titani che celebra, il libro di Murray mette in mostra sia la "struttura intellettuale che gli "dei trascendentali" che caratterizzano il lavoro di genio. (George Gilder su Human Accomplishment: The Pursuit of Excellence in the Arts and Sciences, 800 B.C. to 1950, di Charles Murray)

Defining and measuring the topology of excellence in the arts and sciences over a span of some three millennia, Charles Murray's Human Accomplishment scales the alpine peaks of human achievement and then plumbs their foundations. In a world of cultural relativism and sentimental diversity. he dares expound a theory of hierarchy founded on enduring structures of thoughts and objective ideals. [...] Joining the titans he celebrates, Murray's tome displays both the "intellectual structure" and the "transcendental gods" that mark a work of genius. (George Gilder, on Charles Murray's Human Accomplishment: The Pursuit of Excellence in the Arts and Sciences, 800 B.C. to 1950)

(Late) Weekend Round-Up

Round-Up in ritardo, questa settimana, ma con molta carne al fuoco. Procediamo con ordine, partendo dall'inizio della scorsa settimana. Burtonia Blogs (via The Corner) ristabilisce la verità sulla distribuzione geografica dei caduti americani in Iraq, dopo che i soliti noti l'avevano sparata grossa (qualcuno ha detto "sciacalli"?). Chi, come noi, ha sempre capito poco del "caso Able Danger", potrebbe trovare utile il round-up di The Strata-Sphere. La time-line di ThinkDude sullo scandalo Air America è un capolavoro. Intanto Brian Mahoney e Michelle Malkin continuano a picchiare duro. George Trefgarne, sul Daily Telegraph, non ha dubbi: la flat tax sta per arrivare nel Regno Unito. Che Gordon Brown lo voglia oppure no. Interessante editoriale di Robert L. Pollock, dal Wall Street Journal, sul ritorno di Ahmed Chalabi sulla scena politica irachena. Chi ha dimostrato più incompetenza nel caso Sheehan, l'amministrazione Bush o i mainstream media? La risposta di McQ su Qando Blog non ammette repliche. Quando Jay Nordlinger, il caporedattore della National Review, scrive un nuovo Impromptus è sempre un avvenimento. Ma le ultime due puntate della sua rubrica (uno e due) sono davvero spettacolari. Libertas ha qualcosa da dire a George Clooney. NYgirl segnala uno studio del Georgetown Law Journal che analizza i contributi elargiti ai partiti politici, negli ultimi 11 anni, dai professori delle migliori università degli Stati Uniti. Lo scarto tra democratici e repubblicani è impressionante: 81% contro 15%. Come ha scritto spesso Brian C. Anderson sul City Journal, i campus sono il prossimo muro che la Right Nation deve abbattere. Altri dettagli sull'argomento, in questo articolo di John Braeman su FrontPage Magazine. Nei film di Hollywood, ormai, fumano soltanto i perdenti. I buoni, in genere, si bucano e bruciano la bandiera. Gli ultimi round-up di Basil e Nif sono, come al solito, molto migliori dei miei (anche se TJ smaltiva i postumi di una sbornia!). Da The Jawa Report, una buona notizia: l'ostaggio americano Roy Hallums è stato liberato in Iraq dalle forze della coalizione. bRight and Early è un ottimo posto per seguire la guerra in corso tra repubblicani e democratici per la Corte Suprema. Basta tenere d'occhio i suoi post archiviati nella categoria Scotus. Chi è interessato ai dettagli più tecnici, farebbe bene a fare spesso un salto su The Supreme Court Nomination Blog. Chiudiamo con la tragedia provocata dall'uragano Katrina. Instapundit pubblica un elenco impressionante di blog che si sono attivati per raccogliere fondi a favore delle vittime (noi ci limitiamo a segnalare anche la splendida iniziativa di Lisistrata). Intanto, i quasi 2000 blog che hanno partecipato al Blog Relief Weekend di The Truth Laid Bear hanno raccolto quasi 8 milioni di dollari. Brendan Loy, autore di The Irish Trojan's Blog, ha raccontato come nessun altro - minuto per minuto - il disastroso arrivo di Katrina sulla costa degli Stati Uniti. Se avete ancora qualche dubbio sul fatto che il sindaco di New Orleans, Ray Nagin (D), il responsabile della protezione civile, Michael Brown (R) e, soprattutto, il governatore della Louisiana, Kathleen Babineaux Blanco (D), siano i tre veri responsabili della carneficina, leggete - in ordine cronologico inverso - i post pubblicati sul blog di Brendan (qui quelli prima del 30 agosto, qui quelli successivi). Oppure continuate a dare la colpa a Bush, come sta facendo il 13% degli americani (ma non doveva essere il colpo definitivo alla sua presidenza?). Se invece volete capire meglio quello che è successo, ma avete soltanto una decina di minuti a disposizione, leggete la trascrizione delle ultime due edizioni dell'O'Reilly Factor (6 settembre e 7 settembre). (via My Vast Rigth Wing Conspiracy), infine, dipinge a modo suo, con una buona dose di humour macabro (prima e seconda parte), come i media hanno affrontato la catastrofe. E' meglio riderci sopra.

Late Round-up, this week, but with many irons in the fire. But let’s proceed with order, starting from the beginning of last week. Burtonia Blogs (via The Corner) restores the truth about geografic distribution of American casualties in Iraq, after the usual notorious ones had been talking really big (did somebody say “jackals"?). The ones, as ourselves, who always undertood little about “Able Danger’s case”, could find a useful guide in The Strata-Sphere’s round-up. ThinkDude’s time-line on Air America scandal is a masterpiece. In the meantime Brian Mahoney and Michelle Malkin keeep on hitting tough. George Trefgarne, on The Daily Telegraph, has no doubts: flat tax is on his way to the United Kingdom. No matter if Gordon Brown wants it or not. Interesting editorial by Robert L. Pollock, from The Wall Street Journal, on Ahmed Chalabi’s return into iraqui political scenery. Who showed more incompetence on Sheehan’s case, Bush administration or mainstream media? The answer provided by McQ on Qando Blog doesn’t leave room to other replies. When Jay Nordlinger, The National Review’s managing editor, writes a new Impromptus is always an big event. But the last two series of his column (one and two) are truly spectacular. Libertas has something to say to George Clooney. NYgirl points out a study by the Georgetown Law Journal that analyses the contributions to political parties, in the last 11 years, from the professors of the best Us Universities. The gap between democrats and republicans is impressing: 81% versus 15%. As Brian C. Anderson often wrote on The City Journal, campuses are the next wall that the Right Nation is going to crush. Other details on this subject, in this article by John Braeman on The FrontPage Magazine. In Hollywood movies, nowadays, the ones that smoke are just the losers. Usually, the good guys shoot up and burn the flag. The latest round-ups by Basil and Nif are, as usual, much better than mine (even though TJ was getting over one of his hangovers!). Fom The Jawa Report, a good news: american hostage Roy Hallums was fred in Iraq by the coalition forces. bRight and Early is a great place to watch the war being fighted between republicans and democrats for the Supreme Court. It’s enough to give a look to its posts filed in the category Scotus. Whoever is interested to more technical details should often make a jump to The Supreme Court Nomination Blog. Let’s end up with the tragedy caused by Katrina hurricane. Instapundit publishes an impressing list of blogs that activated themselves to collect funds for the victims (we just point out also the wonderful initiative by Lisistrata). In the meantime, the roughly 2000 blog that participated to the Blog Relief Weekend of The Truth Laid Bear collected almost 8 million dollars. Brendan Loy, author of The Irish Trojan's Blog, reported as anybody else did – minute after minute – the devastating arrival of Katrina to Us shores. If you have still any doubt over the fact that New Orleans’ Mayor, Ray Nagin, FEMA chief, Michael Brown, and, above all, Louisiana’s Governor, Kathleen Babineaux Blanco, are the three real responsible for the carnage, read - in reverse chronological order – the posts published on his blog (here the ones before August 30, and here the following ones). Or keep put the charge on Bush, as the 13% of Americans are doing (but wasn’t it supposed to be the final blow to his presidency?). (via My Vast Right Wing Conspiracy) tells us, with a strong dose of black humour (first and second part), how media have faced the catastrophe. We’d better laugh about it.

lunedì 5 settembre 2005

Un'altra notte di astinenza (speriamo l'ultima)

Risolti tutti i problemi di trasferimento, i server di TocqueVille sono stati colpiti dall'ennesima maledizione voodoo-noglobal e, in tarda serata, hanno smesso di funzionare. Stavolta il problema sembra essere un'errata configurazione del router Fastweb che gestisce la connessione. Ci aspetta un'altra, lunga, notte di astinenza. Ma domani è un altro giorno... :)

Don't Panic! TocqueVille è tornata

La home page di TocqueVille è di nuovo online al suo indirizzo “naturale”: Ci scusiamo per l’inconveniente. E’ davvero inquietante sapere che in Italia, dopo oltre 48 ore di attesa, sia obbligatorio pronunciare – magari con un tono della voce al di sopra delle righe – la parola “avvocato”, per vedere i propri problemi risolti nel giro di qualche minuto.

Comunicazione tecnica per gli aggregatori di TocqueVille. Abbiamo ancora qualche problema con i server di posta. Per consultare le mail via web, è possibile utilizzare l’indirizzo

domenica 4 settembre 2005

TocqueVille: indirizzo provvisorio

La homepage di Tocqueville è temporaneamente online all'indirizzo Se possibile, diffondete la url nei vostri blog. Grazie.

Dov'è TocqueVille?

Dalla mattinata di ieri, i server di TocqueVille (che sono gli stessi su cui risiede il sito di Ideazione) sono stati spostati - fisicamente - in una nuova sede. Questo, naturalmente, ha causato un cambio di indirizzo IP che è stato comunicato alle autorità competenti secondo le procedure previste. Questa operazione di routine, in teoria, è effettuata automaticamente in poche ore (non più di 6-8 in media). Ma in questo caso, per motivi che non riusciamo a comprendere (anche perché non c'è modo di chiedere spiegazioni a chicchessia durante il weekend), il downtime si è prolungato oltre le 24 ore. E siamo ancora in attesa di vedere i nostri siti online. Ci scusiamo con tutti i cittadini e i lettori di TocqueVille, ma non possiamo fare altro che attendere i tempi, biblici, di una burocrazia italiana che si distingue per la sua inefficienza anche su Internet.

venerdì 2 settembre 2005

Braveheart Clooney

Luca Perego, su Il Solitario, scrive che Repubblica definisce "coraggioso" George Clooney per aver girato un film, presentato ieri alla Mostra di Venezia, su Edward R. Murrow. Murrow era il conduttore di See It Now, un programma della CBS (sì, proprio quella di Dan Rather) passato alla storia per una puntata speciale che nel marzo del 1954 distrusse la carriera politica del senatore Joe McCarthy. Sottoscriviamo, dalla prima all'ultima riga, quello che scrive Luca sul suo splendido blog. E ci limitiamo a riportare (e tradurre, visto che il libro non è mai stato ritenuto degno di pubblicazione in Italia), un brano tratto da "Joseph McCarthy: Reexamining the Life and Legacy of America's Most Hated Senator" di Arthur Herman, una delle migliori biografie di Tail-Gunner Joe in circolazione negli Stati Uniti.

[...] Il conduttore Edward R. Murrow aveva lavorato due mesi per mettere in piedi quella che lui stesso descrisse come "una cronaca delle attività del senatore Joseph R. McCarthy". Murrow e il suo staff tagliarono e montarono filmati meticolosamente, per mettere McCarthy nella peggiore luce possibile. Il risultato fu spaventoso. [...] Malgrado le pretese della CBS, "See It Now" non fu affatto un servizio di cronaca, ma un'aggressione personale su larga scala, che utilizzava esattamente le stesse tecniche di "verità parziali e insinuazioni" di cui era accusato McCarthy dai suoi critici. [...] Quasi tutti i liberal, comunque, amarono lo show. E Murrow diventò un eroe.

Luca Perego, on Il Solitario, reports that the newspaper Repubblica defines George Clooney "a brave man" because he directed a movie about Edward R. Murrow (the movie was presented yesterday af the Venice Film Festival). Murrow was the host of See It Now, a CBS (yes, the Dan Rather's one) program that became famous after a special edition broadcasted in march of 1954 which basically destroyed Senator Joe McCarthy's political career. We totally agree with Luca's post on his amazing blog. And we only dare to add a brief extract (with translation, because the book was never published in Italy) by Arthur Herman's "Joseph McCarthy: Reexamining the Life and Legacy of America's Most Hated Senator", one of the best biographies written about Tail-Gunner Joe in the United States.

[...] Host Edward R. Murrow had spent two months putting together what he described as a "report on Senator Joseph R. McCarthy". Murrow and his staff had meticulously cut and edited film clips to put McCarthy in the worst possible light. The result was appalling [...] Despite CBS's pretentios, "See It Now" was not a report at all but a full-scale assault, employing exactly the same techniques of "partial truth and innuendo" that critics accused McCarthy of using. [...] However, most liberals loved it, and Murrow became a hero.