lunedì 31 luglio 2006

Hezbollywood?

Su Israel Insider, il sospetto (e anche qualcosa di più) che la strage di Cana sia stata il macabro set di un teatrino di sangue ad uso e consumo dei mainstream media occidentali. Leggete l'articolo, guardate le fotografie e ricordatevi che non sarebbe la prima volta.

Round-Up: The Strata-Sphere, All Things Beautiful, EU Referendum, Media Blog (NRO), Confederate Yankee, Outside The Beltway, Jay Currie, Sweetness & Light, Michael J. Totten, Hot Air, The Real Ugly American, It Shines For All, The Volokh Conspiracy, Little Green Footballs, EconoPundit, Fausta's Blog.

Francesi

"I would rather have a German division in front of me than a French one behind me". (Generale George S. Patton)

"E' chiaro che non accetteremo mai la destabilizzazione del Libano, che potrebbe portare ad una destabilizzazione dell'intera regione. Una regione in cui c'è un paese come l'Iran: una grande nazione, un grande popolo e una grande civiltà, che noi rispettiamo e che gioca un ruolo stabilizzatore nella regione". Parola del ministro degli esteri francese Philippe Douste-Blazy, in visita a Beirut.

Round-Up: Haaretz, Blue Crab Boulevard, Roger L. Simon, Little Green Footballs

True Love

Il dittatore venezuelano Hugo Chavez, in visita a Teheran dal suo omologo iraniano Mahmoud Ahmedinejad, ha paragonato i raid aerei israeliani contro Hezbollah all'Olocausto. "Israele - ha detto - sta perpetrando contro i libanesi le stesse atrocità commesse da Hitler contro gli ebrei". In cambio, il dittatore iraniano gli ha regalato una medaglia d'oro al valore (per averlo sostenuto durante la "crisi nucleare"). Non c'è dubbio: si tratta di vero amore.

Round-Up: CNN.com, TPMCafe blogs, Haaretz.

Just in Time

John Hinderaker, su Powerline, ha qualche domanda interessante su questo striscione anti-americano comparso misteriosamente davanti all'edificio di Cana dove ieri sarebbero morti oltre 50 civili (tra cui molti bambini), appena poche ore dopo il bombardamento israeliano che ha provocato la reazione sdegnata della "comunità internazionale". Troppi particolari non tornano, in questa brutta storia, come quello del timing esatto del crollo (che sembra essere avvenuto 8 ore dopo l'attacco aereo). Intanto Israele ha sospeso i raid in Libano per 48 ore.

Round-Up: TigerHawk, The American Thinker, A Blog for All, Israel Matzav, Solomonia, Blue Crab Boulevard, Gateway Pundit, Israellycool, Macsmind, Anti-Idiotarian Rottweiler, WILLisms.com, The Florida Masochist, Liberty and Justice, The Belmont Club, Sister Toldjah, Captain's Quarters, Right Wing Nut House, Flopping Aces. In italiano: 1972, Rolli, Libero Pensiero, Signore degli Anelli, The Mote in God's Eye.

domenica 30 luglio 2006

Sunday (Open) Must-Read List


Inside Report: Gore in '08
Robert Novak, Real Clear Politics
Pander and Run
Peter Beinart
, Washington Post
The Iraq Paradox
Robert L. Pollock
, Wall Street Journal
Symposium: Proving Saddam's WMDs
Jamie Glazov
, FrontPage Magazine

Viagra for the United Nations
Bill O'Reilly,
Townhall.com
Beavis and Butt-Head Democracy
Jonah Goldberg, National Review
The Vocabulary of Untruth
Victor Davis Hanson, National Review

Risky Business
Desmond Lachman, Tech Central Station
Ghettoization of War
Mark Steyn, Chicago Sun-Times

Questo post è un open trackback. Fate un link qui, poi un trackback a questa URL e (prima o poi) il link al vostro post verrà aggiunto qui sotto. Se la vostra piattaforma blog non supporta i trackback, provate Simpletrack di Adam Kalsey o Wizbang Standalone Trackback Pinger. Se non avete idea di che cosa sia un trackback, segnalate il vostro post a questo indirizzo e-mail (con url, titolo del post, nome del blog e nell'object: "Sunday (Open) Must-Read List"). Altre informazioni qui.

Trackbacks:
Planck's Constant - Why the Muslim shot the Jews in Seattle
Tel-Chai Nation - Muslim misogynist opens fire at Seattle Jewish...
A Blog For All - Islamic Hate in Seattle: One Jew Killed, Five...
Planck's Constant - Official search for dog continues...
Red_State_Blue - Detrimental to your health
Melandrina - Melandrina.com sul Corriere della Sera
Nequidnimis - All Blacks come l'Italia mondiale
The Mote in God's Eye - Siniora, Machiavelli fra i cedri o sindrome...

Trackback URL for this entry:
http://www.haloscan.com/tb/andragorn/115428499105604594/

More Open Trackbacks:
Basil's Blog, Blue Star Chronicles, Dumb Ox, Woman Honor Thyself, Freedom Watch, 123beta, The Florida Masochist, Stop the ACLU, Point Five, Bright & Early, Jo's Cafe, Cao's Blog, TMH's Bacon Bits, Right Wing Nation, Wizbang, Bloggin Outloud, Third World County, Assorted Babble, Madman Returns (More at the Open Trackback Alliance, Open Trackback Provider Blogroll, Linkfest Heaven).

Hadji Girl



I was out in the sands of Iraq
And we were under attack
And I, well, I didn't know where to go.
And the first think I could see
was Everybody's favorite Burger King
So I threw open the door and I hit the floor.
Then suddenly to my surprise
I looked up and I saw her eyes
And I knew it was love at first sight.

And she said
Durka Durka Mohammed Jihad
Sherpa Sherpa Bak Allah
Hadji girl I can't understand what you're saying.
And she said
Durka Durka Mohammed Jihad
Sherpa Sherpa Bak Allah
Hadji girl I love you anyway.

Then she said that she wanted me to see.
She wanted me to meet her family
But I, well, I couldn't figure out how to say no.
Cause I don't speak Arabic.
So, she took me down an old dirt trail.
And she pulled up to a side shanty
And she threw open the door and I hit the floor.

Cause her brother and her father shouted
Durka Durka Mohammed Jihad
Sherpa Sherpa Bak Allah
They pulled out their AKs so I could see
And they said
Durka Durka Mohammed Jihad
Sherpa Sherpa Bak Allah

So I grabbed her little sister and pulled her in front of me.
As the bullets began to fly
The blood sprayed from between her eyes
And then I laughed maniacally
Then I hid behind the TV
And I locked and loaded my M-16
And I blew those little fuckers to eternity.

And I said
Durka Durka Mohammed Jihad
Sherpa Sherpa Bak Allah
They should have known they were fucking with a Marine

Dedicato a georgewalker

Team America/3



FREEDOM ISN'T FREE

What would you do
If you were asked to give up your dreams for freedom
What would you do
If asked to make the ultimate sacrifice

Would you think about all them people
Who gave up everything they had.
Would you think about all them War Vets
And would you start to feel bad

Freedom isn't free
It costs folks like you and me
And if we don't all chip in
We'll never pay that bill
Freedom isn't free
No, there's a hefty fuckin' fee.
And if you don't throw in your buck 'o five
Who will?

What would you do
If someone told you to fight for freedom.
Would you answer the call
Or run away like a little pussy
'Cause the only reason that you're here.
Is 'cause folks died for you in the past
So maybe now it's your turn
To die kicking some ass

Freedom isn't free
It costs folks like you and me
And if we don't all chip in
We'll never pay that bill
Freedom isn't free
Now there's a have to hook'in fee
And if you don't throw in your buck 'o five
Who will?

You don't throw in your buck 'o five. Who will?
Oooh buck 'o five
Freedom costs a buck 'o five

Dedicato a Mid Class

Team America/2



AMERICA, FUCK YEAH!

America... America...
FUCK YEAH!
Coming again, to save the mother fucking day yeah,
America, America...
America... America,
FUCK YEAH!
Coming again, to save the mother fucking day yeah,
America, FUCK YEAH!
Freedom is the only way yeah,
Terrorist your game is through cause now you have to answer too,
America, FUCK YEAH!
So lick my butt, and suck on my balls,
America, FUCK YEAH!
What you going to do when we come for you now,
it’s the dream that we all share; it’s the hope for tomorrow
FUCK YEAH!
McDonalds, FUCK YEAH!
Wal-Mart, FUCK YEAH!
The Gap, FUCK YEAH!
Baseball, FUCK YEAH!
NFL, FUCK, YEAH!
Rock and roll, FUCK YEAH!
The Internet, FUCK YEAH!
Slavery, FUCK YEAH!
FUCK YEAH!
Starbucks, FUCK YEAH!
Disney world, FUCK YEAH!
Porno, FUCK YEAH!
Valium, FUCK YEAH!
Reeboks, FUCK YEAH!
Fake Tits, FUCK YEAH!
Sushi, FUCK YEAH!
Taco Bell, FUCK YEAH!
Rodeos, FUCK YEAH!
Bed bath and beyond
(Fuck yeah, Fuck yeah)
Liberty, FUCK YEAH!
White Slips, FUCK YEAH!
The Alamo, FUCK YEAH!
Band-aids, FUCK YEAH!
Las Vegas, FUCK YEAH!
Christmas, FUCK YEAH!
Immigrants, FUCK YEAH!
Popeye, FUCK YEAH!
Democrates, FUCK YEAH!
Republicans (republicans)(fuck yeah, fuck yeah)
Sportsmanship
Books

Dedicato a Mid Class

sabato 29 luglio 2006

Team America (VM18)



Drunk: "Easy, easy, whoa, you gotta calm down there, Chuck".

Gary: "I hurt people. I'm a dick".

Drunk: "Well, being a dick ain't so bad. See, there's three kinds of people: Dicks, pussies, and assholes. Pussies think everyone can get along and dicks just wanna fuck all the time without thinking it through. But then you got your assholes, Chuck. And all the assholes want is to shit all over everything. So pussies may get mad at dick once in a while because pussies get fucked by dicks. But dicks also fuck assholes, Chuck. And if they didn't fuck the assholes, you know what you'd get? You'd get your dick and your pussy all covered in shit".

Dedicato ai pacifinti.

Follia islamica/2

Dal Seattle Times (via Michelle Malkin), la foto di Naveed Haq - l'uomo arrestato per la sparatoria al Jewish Center di Seattle - tratta dallo yearbook del suo liceo. Avete letto bene, nella didascalia c'è scritto "pace".

Round-Up [update]: Pajamas Media, The Corner (NRO), Hyscience, Confederate Yankee, Atlas Shrugs, QandO, The Florida Masochist, Little Green Footballs, Outside The Beltway, Power Line, Instapundit.com, Sound Politics, Jihad Watch, Dr. Sanity, Cao's Blog, One Jerusalmen Blog, Rightwinged.com, Liberty and Justice, TigerHawk.

Follia islamica

"Sono un musulmano americano. E sono arrabbiato con Israele". A Seattle, un cittadino statunitense di origine pachistana - di età compresa tra i 30 e i 40 anni - è entrato nella sede della Jewish Federation e ha iniziato a sparare sulla folla con una pistola semi-automatica, uccidendo una donna e ferendone altre cinque (tra cui una incinta). Per i pacifinti di tutto il pianeta, si tratta certamente di una reazione "proporzionata".

Round-Up: Captain's Quarters, Ace of Spades HQ, Roger L. Simon, Michelle Malkin, Stop the ACLU, Gateway Pundit, Security Watchtower, The Belmont Club, The Jawa Report, Blue Crab Boulevard, The Volokh Conspiracy, The Sundries Shack, Slog, Neo-neocon, Yourish.com, Little Green Footballs, TPMCafe blogs, Classical Values, Instapundit.com, Jihad Watch, The Strata-Sphere, Yoni the Blogger, Daily Pundit, Anti-Idiotarian Rottweiler, Power Line.

venerdì 28 luglio 2006

Blogageddon (USA)

Se pensate che il caldo estivo faccia uscire di senno solo (alcuni) blogger italiani, provate a dare un'occhiata a cosa sta succedendo nella blogosfera a stelle e strisce. Un buon punto di partenza è questo post di Hot Air.

Round-Up: Patterico's Pontifications, My Vast Right Wing Conspiracy, Wizbang, Riehl World View, Michelle Malkin, Overtaken by Events.

Bolton 3 Kerry 0

Al Senato, John Bolton prende a schiaffi un John Kerry in evidente stato confusionale. Il video su DANEgerus (via Gateway Pundit).

Round-Up: All Things Conservative, The Sundries Shack, Blue Crab Boulevard, Stuck On Stupid, Robwestcott, Airborne Combat Engineer, Texas Rainmaker, Riehl World View, Wikistan.

L'enigma iraniano


Reuel Marc Gerecht (American Enterprise Institute), Ted Galen Carpenter (Cato Institute), Edward Luttwak e Anthony Cordesman (Center for Strategic and International Studies) si confrontano, ospiti di Cato Unbound, sulla strategia migliore per affrontare l'Iran. Scontro di idee ad altissimo livello.

Bye Bye, Los Angeles Times


Su Radioblogger, un'immagine che vale più di mille parole per descrivere il crollo verticale delle vendite del Los Angeles Times rispetto alla crescita della popolazione nella più grande metropoli californiana. Un crollo che si è accentuato dopo l'11 settembre 2001, con la deriva liberal del quotidiano californiano, ma che ha radici profonde. Nel 1970, un cittadino dell'area metropolitana di Los Angeles su 6 comprava il LAT. Oggi, malgrado la popolazione sia cresciuta del 70%, le vendite del giornale sono scese. E il trend è in ribasso.

giovedì 27 luglio 2006

mercoledì 26 luglio 2006

A volte ritorna(no)

Orrore e raccapriccio, da Wellington.

Il sondaggio che non ti aspetti

Secondo un sondaggio Harris, riportato dal Washington Times, il 50% degli americani crede che nel 2003 in Iraq ci fossero armi di distruzione di massa. Lo scorso anno la percentuale era del 36%.

Round-Up: Ben's Blog, Commonvoice.com.

Case Closed

Christopher Hitchens, su Slate, spazza via le ultime macerie della bufala Nigergate. Il risultato - per Joe Wilson, Valerie Plame e tutti coloro che credono alle favolette - è devastante.

Round-Up: JustOneMinute, Blue Crab Boulevard, The American Thinker, Wizbang.

martedì 25 luglio 2006

Un po' di fosforo non si nega a nessuno...

Leggiamo su 1972 che l'emittente televisiva spagnola Telecinco ha affermato che "Israele usa fosforo bianco contro i civili libanesi". Da parte nostra, abbiamo sentito l'inviato di SkyTg24 da Beirut, ieri sera, dire la stessa cosa. In più, Grendel from the moor segnala un articolo de La Stampa (e L'Eretico uno di Repubblica) sulla stessa falsariga. La macchina della disinformazione è già in moto.

Round-Up: 1972, Grendel from the moor, Dall'altra parte, The Mote in God's Eye.

Sproporzioni

L'unica cosa sproporzionata nella reazione militare israeliana in Libano è il modo con cui i mainstream media, prima timidamente e poi sempre più sfacciatamente, stanno prendendo le parti degli Hezbollah. A futura memoria, si legga questo scandaloso editoriale del Washington Post firmato da Eugene Robinson (sì, il colpevole è sempre Bush).

Round-Up: Israel Matzav, The RCP Blog, The Strata-Sphere, Blue Crab Boulevard.

domenica 23 luglio 2006

Il futuro, malgrado tutto

Siamo tornati dalla Versilia, ospiti di una tre-giorni di formazione organizzata da Azione Universitaria (su invito del nostro giovane dirigente preferito di AN, Gianmario Mariniello, purtroppo assente per impegni di studio), con qualche dubbio e molte certezze in più. I dubbi, neanche a farlo apposta, riguardano le manovre tattiche in corso per il controllo di Alleanza Nazionale. Harry riassume molto bene il dualismo Fini-Alemanno serpeggiante nella platea, ma i lettori di questo blog ci scuseranno se preferiamo evitare accuratamente argomento. La nostra posizione in merito è chiara: “sì” (malgrado tutto) alla linea seguita da Gianfranco Fini; “no” (malgrado le indubbie capacità politico-organizzative) a quella di Gianni Alemanno. Ma di strappi, accelerazioni, piroette e ripensamenti ne vedremo, nei prossimi mesi, in abbondanza. Dentro AN e non solo. E ci sarà modo di riparlarne.

Quello che ci ha colpito nella kermesse versiliana, invece, è stato altro. E non ha alcun rapporto con gli interventi dei “big” presenti al convegno. Ha molto a che fare, invece, con la passione politica, la lucidità e l’intelligenza di alcuni dei giovani (dirigenti e non) di Azione Universitaria con i quali abbiamo avuto l’occasione di scambiare qualche idea e condividere qualche esperienza. Pensiamo a Luigi Di Gennaro, della direzione di AU, responsabile della “commissione comunicazione” che ha organizzato l’incontro su “siti, blog, chat e forum” a cui abbiamo partecipato giovedì 20. Oppure a Roberto Chibaro, responsabile di http://www.unimagazine.it/ (per saperne di più leggete questo post di FreedomLand), l’unico “portale” dedicato al mondo dell’università che tenta di opporsi allo strapotere della sinistra sul web (e sui forum). Pensiamo a Gianluca Petrillo, ex responsabile Internet del ministero delle Comunicazioni e “veterano” di mille battaglie virtuali combattute fin dagli albori del web nel nostro paese. Ma anche, e soprattutto, alle decine di giovani universitari di destra che ci hanno dimostrato – in presa diretta – di non avere alcuna intenzione di rinunciare, senza opporre resistenza, alla possibilità di diffondere le loro idee sfruttando le enormi potenzialità dei new media.

Il “popolo della destra” che abbiamo conosciuto in Versilia è uno splendido esempio, anche se limitato ad una delle anime politiche che la compongono, di quanto – malgrado l’inconsistenza e gli errori della sua classe dirigente – la Right Nation italiana sia viva e pronta ad affrontare il difficile cammino di rinascita culturale e politica che la attende. La forza dei blog, o di aggregazioni come TocqueVille, del resto, è proprio la capacità di parlare direttamente alla “base”, scavalcando (quando è possibile) le barriere che impediscono alle buone idee di circolare liberamente ed imporsi sulle idee “perdenti”. E’ proprio questa una delle certezze che ci hanno accompagnato nel nostro viaggio di ritorno dalla Versilia e che ci rende ancora più ottimisti per il futuro della Right Nation.

p.s. In una nota strettamente personale, volevo salutare gli splendidi amici che hanno diviso con me un caldissimo ma accogliente bungalow a Torre del Lago - FreedomLand, Harry, Il Megafono, Krillix e StarSailor (in rigoroso ordine alfabetico) – e gli altri cittadini di TocqueVille che abbiamo conosciuto al convegno (Blacknights, Non porgiamo l’altra guancia e i ragazzi di Ultima Thule). Grazie di tutto e arrivederci a presto! :)

Round-Up: Harry, Krillix (anche qui), Il Megafono, FreedomLand, Blacknights, Non porgiamo l’altra guancia.

martedì 18 luglio 2006

"Dedalo e la sfida di domani"

Da domani, fino a venerdì, ci immergiamo nel cuore della Versilia per partecipare a un convegno di formazione organizzato da Azione Universitaria, insieme a qualcuno dei nostri amici di TocqueVille. Aspettatevi un resoconto dettagliato al rientro e, se ne avremo la possibilità, qualche sprazzo di liveblogging. Ecco il programma del convegno.

Esordio Indipendente

Arianna di I Love America, che ha un solo difetto (vedi post sotto), ha fatto oggi il suo esordio sul quotidiano L'Indipendente (pagina 2, spalla destra). Complimenti di cuore :)

Perché non tifo per la nazionale di calcio

Clicca qui per scoprirlo.

sabato 15 luglio 2006

TocqueVille 2.0. Don’t Panic!

“No, il di(b)battito no!”

Nelle ultime settimane, tra i cittadini di TocqueVille, si è sviluppato un dibattito appassionato sul futuro della Città. Anzi, a ben guardare i dibattiti sono stati due. Il primo, quello più visibile ed intenso, riguarda la cosiddetta questione identitaria ed ha incendiato gli animi, provocato scissioni e rotture (all’apparenza) insanabili, ma tutto sommato ha coinvolto un numero assai limitato di cittadini. Senza entrare nel merito, visto che la mia posizione è ben riassunta dalle parole di Ispirati riportate nel post qui sotto, continuo a pensare che il tono della discussione si sia spostato su un piano fondamentalmente inutile ed autoreferenziale.

Come andrà a finire lo sapremo soltanto nei prossimi mesi, ma la speranza è che la consapevolezza di appartenere ad un progetto dalle potenzialità ancora in larga parte inesplorate – e di poter incidere in prima persona sul suo sviluppo - prevalga sulle spinte disgregatrici. In ogni caso, non sarebbe un dramma, perché all’interno di TocqueVille sono in stragrande maggioranza i blogger che non hanno bisogno di etichettarsi vicendevolmente per riconoscersi e continuare a lavorare insieme.

Più di un anno fa, in tempi non sospetti, scrivevo: “Qualcuno se ne andrà, naturalmente, ma qualcuno arriverà a prendere il suo posto. L’equilibrio politico dell’aggregazione è destinato a cambiare nel tempo, con i ritmi dettati dalle idee dei cittadini che compongono questa città virtuale e dagli sviluppi dell’attualità italiana ed internazionale”. I rest my case. E aggiungo un “in bocca al lupo” di cuore a tutti coloro che hanno scelto uscire di TocqueVille per costruire qualcosa di nuovo nella blogosfera italiana, qualcosa di più vicino ai loro sogni, alle loro aspirazioni, alle loro tensioni ideali. Se possiamo dare una mano, la daremo volentieri. Tra le altre cose, TocqueVille ha sempre svolto un ruolo di meta-aggregatore (Rete delle Libertà, B4CdL, Neolib.it) e da liberali siamo convinti sostenitori della concorrenza, non soltanto a casa degli altri.

TocqueVille 2.0

Sottotraccia, intanto, è andato avanti un dibattito assai più importante per il futuro della Città: quello relativo al modello di organizzazione – interno ed esterno – e ai metodi più efficaci per realizzare gli obiettivi, sempre gli stessi, di cui si parlava più di un anno fa su questo speciale di Ideazione.

E’ evidente che, proprio a causa del suo straordinario successo, TocqueVille stia vivendo una crisi di crescita. Un modello editoriale studiato per “reggere” l’impatto di un centinaio di blog o poco più, si è trovato a fare i conti con un numero di iscritti che, anche se depurato dal normale tasso di mortalità della blogosfera (come giustamente ha fatto notare Daverik), resta estremamente alto e difficile da gestire. Lo scorso mese, in un post scritto dopo la splendida esperienza di Sestri Levante, abbiamo accennato a quali saranno gli sviluppi tecnici previsti per TocqueVille dopo la pausa estiva di agosto.

La direzione in cui Ideazione ha deciso di muoversi è chiara: meno confusione e più qualità in homepage; più potere ai cittadini (autoaggregazione parziale, valutazione dei post); più strumenti interattivi per i lettori. A questo va aggiunta (anche se l’argomento tocca direttamente solo qualche decina di volontari) una completa riscrittura del software di aggregazione, che sarà in grado di rendere meno massacrante e ripetitivo il lavoro quotidiano per concentrarsi maggiormente sulla selezione e valorizzazione dei singoli post.

Fino a settembre, naturalmente, c’è il tempo – per tutti i cittadini – di contribuire con idee e proposte alla realizzazione di TocqueVille 2.0. Una sezione del forum verrà aperta proprio allo scopo di stimolare la discussione (tecnica ma non solo) in merito. E a chi ci chiede più democrazia nella scelta dei volontari, rispondiamo semplicemente che un sistema politico in cui “i posti in parlamento” sono superiori al numero dei candidati non si presta granché alle regole classiche della democrazia. La redazione è aperta e di lavoro da fare ce n’è per tutti.

Podcasting

Rispetto a questo “pacchetto”, poi, c’è almeno un’altra novità interessante che si svilupperà nel corso dell’estate per trovare posto in TocqueVille alla riapertura di settembre, o nelle settimane immediatamente successive: il podcasting. In collaborazione con Radio Alzo Zero, nel prossimo autunno TocqueVille avrà a disposizione un canale audio dedicato con 96k di banda (anche musica, quindi) per trasmettere un palinsesto di un paio di ore quotidiane. Approfitto di questa sede per invitare tutti i cittadini interessati al podcasting (non solo politico) – il primo che mi viene in mente è l’ottimo Giuseppe di Neocon Italiani – a scrivermi per stabilire tempi e modalità per una possibile collaborazione. Intanto stiamo lavorando per assicurarci la disponibilità di cittadini (anche illustri) a lavorare sul progetto. Una rassegna stampa/blog quotidiana sarà quasi certamente il punto di partenza del palinsesto, ma siamo davvero aperti a qualsiasi idea. Anche perché, dopo l’audio, il prossimo passo potrebbe essere quello di iniziare a lavorare seriamente anche sulle produzioni video.

Oltre la blogosfera

La quasi totale assenza di solidi punti di riferimento politici per quella che ci piace chiamare Rigth Nation – e la ricerca, dunque, di sbocchi alternativi per una voglia di attivismo politico che non trova soddisfazione nelle sue sedi naturali – non può farci dimenticare che TocqueVille non può e non deve essere un partito politico. La Città dei Liberi è (e deve restare) un’agregazione di blog che, seppure legati da una forte vicinanza politica e culturale, restano soggetti individuali che non vanno costretti a cantare in coro. La forza di TocqueVille è soprattutto quella di offrire ai suoi lettori un panorama di notizie, analisi e commenti alternativo a quello che, giorno dopo giorno, viene offerto a senso unico dai mainstream media, per raggiungere la massa critica sufficiente a scavalcare i confini della blogosfera e incidere direttamente nel mondo dell’informazione e nel dibattito politico-culturale. E’ questa mission principale di TocqueVille. Ed è questa sua caratteristica che ha permesso alla Città di essere oggetto di un livello di attenzione crescente negli ultimi mesi.

Politici, fondazioni e mezzi tradizionali d’informazione, in un numero sempre maggiore, stanno guardando a TocqueVille con interesse, proponendoci forme più o meno organiche di collaborazione. Ma è arrivato il momento di fare un salto di qualità, senza il quale rischiamo di dilapidare un potenziale immenso di risorse e di prospettive.

Ci sarà modo di discutere in dettaglio delle possibilità concrete da vagliare, ma il punto essenziale da comprendere è che in nessuna delle strade che abbiamo di fronte potremo permetterci il lusso di far prevalere personalismi, immaturità e guerra tra bande. Chi vuole divertirsi in questo modo sarà liberissimo di farlo, fuori da TocqueVille. Dentro le mura della Città, ci divertiremo in un altro modo.

Oltre Ideazione

Fino ad oggi, e con ogni probabilità fino al termine del 2006, Ideazione (insieme ad un gruppo di blogger che hanno prestato volontariamente il proprio tempo ed il proprio lavoro) è stata, allo stesso tempo, la forza motrice e la fonte di legittimità che ha permesso a TocqueVille di crescere. Questo stato di cose, naturalmente, non potrà continuare all’infinito. E si avvicina il momento di verificare se TocqueVille sia in grado di procedere con le proprie forze verso gli obiettivi che si vuole prefiggere. Questo, per dirla con Friedrich, è la questione “costituzionale” che deve essere affrontata nei prossimi mesi: stabilire cioè quell’insieme di regole “ che disciplinano la creazione di ogni altra regola”.

Vale la pena di sottolinearlo ancora una volta: questo ha ben poco a che fare con la questione identitaria. Quello di cui TocqueVille ha bisogno non è certo una “costituzione” in cui vengano stabilite le caratteristiche partitico/razziali dei possibili aderenti. Noi sappiamo bene chi siamo, e soprattutto lo sanno bene quelli che ci vogliono male. Siamo nati intorno al (centro)destra e lì moriremo (tra un paio di secoli), sempre cercando di costruire un luogo politico e culturale per la convivenza tra liberali e conservatori. Da qui al legarci mani e piedi ad una CdL che si sta tristemente dissolvendo… ce ne passa.

Quello di cui TocqueVille ha bisogno per il futuro, invece, è quell’insieme di regole costitutive che – chiaramente e pubblicamente – siano in grado di aggregare un insieme, più o meno ristretto, di individui che credono nel progetto e vogliono lavorare per raccogliere le risorse necessarie a farlo vivere e crescere. Questo gruppo di individui potrà scegliere se riunirsi in una società, un’associazione, una cooperativa (non rossa), se e come darsi uno Statuto, quali percorsi (editoriali, culturali, politici) seguire. Non esistono soluzioni buone e soluzioni sbagliate, perché lo spettro di opportunità che ci si presenta davanti è enorme: bisogna analizzarlo, scegliere delle priorità e rimboccarsi le maniche.

TocqueVille Live

Come sa benissimo chi ha partecipato ai due incontri organizzati da TocqueVille a Roma e a Sestri Levante, c’è un milione di anni-luce di differenza tra una discussione online e una dal vivo. Non è un caso, secondo me, che le frizioni o le incomprensioni personali tra cittadini si siano spesso risolte “a tarallucci e vino” una volta misurato l’interlocutore nel mondo reale. E’ mia convinzione che, in un momento cruciale come quello che TocqueVille si prepara ad affrontare, sia fondamentale trovare il tempo e il luogo per proseguire e formalizzare di persona quello che inizieremo a discutere a distanza. Non tutti avranno la possibilità di intervenire, ma se organizziamo un paio di incontri con qualche mese di anticipo, tutti avranno almeno la possibilità di far conoscere la propria posizione o di delegare qualcun altro a rappresentarla. Non prendete troppi impegni per la fine di settembre, dunque, perché ci sono buone probabilità che presto la Città dei Liberi venga a bussare alla vostra porta :)

p.s. Scusatemi per la lunghezza del post. Se qualcuno vuole chiarimenti più dettagliati su qualcuno degli argomenti trattati, sono disponibile all’indirizzo mancia[at]tocque-ville.it o in un thread di discussione che è stato appena aperto sul forum.

martedì 11 luglio 2006

Estratto di Pollo (ispirato)

Sulla querelle identitaria (ed oltre) relativa a TocqueVille, qualche ora fa Ispirati ha lasciato un duplice commento sul blog del Sorvegliato Speciale che - oltre a bacchettarmi (con qualche ragione) per la mia troppa propensione alla "diplomazia" - centra perfettamente il nodo della questione. Ispirati mi perdonerà questo raffazzonato copia&incolla, ma (a parte qualche insignificante sfumatura) il suo pensiero è anche il mio.

(...) Mi pare che questa corsa all'identitarismo, a quelli che dicono "questa è la destra e questo no" sta portando TQV verso l'autodistruzione (e una volta che si sarà autodistrutta ce ne staremo ognuno con il suo bel pezzetto di niente); poi, questa cosa si è mischiata con conflitti personali, conflitti pregressi, stupidaggini di vario tipo per cui sta iniziando a diventare insostenibile e c'è chi non trova di meglio da fare che uscire da TQV. In secondo luogo la questione identitaria manca completamente il significato originario di TQV: TQV non era nata per prendere una identità già esistente (che sia "lib" o che sia "con" non mi interessa) ripeterla a tamburo battente su mille blogs e basta (la famosa indymedia de destra) quanto piuttosto prendere diverse identità, diverse sensibilità e trovare uno spazio di dialogo. Invece in TQV ci si è ridotti a cercare di far numero per cui la fazione che è più numerosa vince, quella si scambia più link (e di qui la fretta di contarsi, di dividersi in quartierini, di mettere il proprio bannerino e riconoscersi e identificarsi) piuttosto che allo scambiarsi argomentazioni razionali sui diversi argomenti. Ho visto che stanno trionfando quelli che fanno i tifosi piuttosto che quelli che fanno i pensatori. Fa tutto parte dello stesso problema.

Chissà magari a.man (...) leggendo questi commenti ascolterà il mio suggerimento: basta diplomateggiare; passiamo al taglio della carne e delle ossa. Definire la Città per come è (o meglio rispiegare la sua definizione) ovvero chiarire la pomposa questione identitaria dicendo (ripetendo) semplicemente che dentro TQV ci sono i blogs liberali e quelli conservatori, che ci si può scontrare su PACS e su aborto ma l'importante è essere d'accordo sul fatto che il socialismo e il filo-arabismo non devono averla vinta, tranquillizzare tutti coloro che la vedono come il covo dei mangiapreti o la filiale dei santissimi pietro e paolo, definire delle regole per l'aggregazione che semplifichino il lavoro degli aggregatori in termini di quantità, dare una lavata di capo (sì, dare una lavata di capo, che a volte è la cosa migliore) a tutti coloro che non si comportano correttamente, tagliare (e dico proprio tagliare) tutti quelli che dentro la città dei liberi non ci stanno a fare nulla (fascisti e comunisti e antisemiti e antiamericani e estremisti di vario tipo, se ci sono ovvio; e così non diamo più adito a quelli che sono fuori di criticarci perché abbiamo qualche deficiente che inneggia al fascismo e a quelli che sono dentro di ripetere la ramanzina del "ci sono dentro tutti") che se perdiamo qualche blog non fa nulla e magari ricontattare i blog fuoriusciti che meritano di rimanere dentro (perché quello che conta non sono quanti blog ci sono ma la qualità che esprimono), beccarsi un po' di insulti da quelli che rimangono fuori (macchisseneincula). A questo punto serve un nuovo inizio (sul solco del vecchio): perché passare da 150 a 1000 blog significa avere a che fare con un progetto diverso.

(...) Non ho mai scritto un post in merito (...) ma il succo e' semplice: TQV e' nata come aggregazione di 160 blogs che condividevano un'aspirazione al dialogo. Ora ce ne sono quasi mille. Il problema è tutto qua. Più specificamente, il problema è stato creato (non me ne voglia nessuno) da coloro che, in vista delle elezioni, hanno deciso che TQV doveva stare o di qua o di la (dimenticandosi dello spirito originario di TQV). Da questo stupido calcolo utilitaristico è nata la questione identitaria che poi ha seguito una sua strada e un suo sviluppo. Ecco (...) la questione identitaria è per me una scemenza (magari sbaglio io); non ho bisogno di TQV per darmi un'identità e non ho bisogno che TQV diventi la Grande destra come auspica qualcuno (facendomi paura quando dice che non ci devono essere paletti a destra ma di sicuro a sinistra) o il partito radicale per sapere chi sono e cosa faccio dentro TQV. La questione identitaria è stupida perché TQV ha già un'identità che è quella scritta e descritta nel manifesto fondativo.

Una volta compresi i limiti della redazione (che è fatta da individui, che si è trovata a gestire un aggregatore che non aveva programmato, che è stata lenta a capire i problemi che stavano nascendo, che è stata lenta ad elaborare una risposta una volta compresi i limiti - mi fermo perche' non voglio criticare non essendo dentro la redazione e non spendendo neanche un minuto alla gestione di TQV) tutte le persone intelligenti (quelle che sono già dentro la redazione e quelli che ne sono fuori ma credono di dare un contributo utile) si mettono intorno ad un tavolo, discutono dei problemi e trovano soluzioni. Chi esce che cosa ha ottenuto? Ha soddisfatto il suo desiderio di coerenza? E che io che sto dentro un aggregatore che non mi rispecchia al cento per cento non sono coerente? Non credo. La mia identità è definita dal mio blog non dal mio aggregatore. Chi esce ha sottratto alla città il suo prezioso contributo di persona intelligente in idee e lavoro (per chi lo svolge).


Poi in tutta onestà anche io credo che si sia fatti prendere la mano, che ci siano stati ingressi "sospetti", che il numero dei blogs abbia confuso chi a TQV doveva dare una direzione e si è fatto invece portare dalla corrente ma credo anche che tutta questa fuffa sulla questione identitaria stia sminuendo la Città invece di rafforzarla. Il fatto che la Città non sia perfetta, che la redazione sia composta da individui che a volte sbagliano (spero spesso in buona fede e qualche volta in malafede), che non abbia l'identità che voglio io è parte della normale vita di una comunità di individui che hanno più cose in comune di quelle che li dividono (...).

p.s. Altri tre post da leggere sull'argomento sono quelli di Italian Version, Yet Another Pajamas Blog e Kagliostro.

venerdì 7 luglio 2006

God Bless Mexican Nights


Il grafico qui sopra (da Fruits&Votes) "racconta" come la sinistra messicana è andata a dormire maggioranza e si è risvegliata, ancora una volta, minoranza. God Bless Mexican Nights! :)

Round-Up: QandO, Mark in Mexico, Blogs for Bush, Outside The Beltway.

giovedì 6 luglio 2006

Vatican, No Taliban

"Adesso basta con il porgere l'altra guancia! E' nostro dovere proteggere noi stessi". Così parlò monsignor Velasio De Paolis, segretario della 'corte suprema' vaticana, riferendosi ai musulmani (...) "L'Occidente ha avuto relazioni diplomatiche con i paesi arabi da più di mezzo secolo e non è stata in grado di ottenere la benché minima concessione sui diritti umani". De Paolis non è il solo a pensarla così; infatti la Chiesa Cattolica sta vivendo un drammatico cambiamento nella sua politica, vecchia di decenni, per proteggere i cattolici che vivono in regimi musulmani. Il vecchio metodo della diplomazia tranquilla e del muto appeasement ha chiaramente fallito.

Da leggere, tutto d'un fiato, l'ultimo articolo di Daniel Pipes sul Jerusalem Post. Consigliato soprattutto ai rosapugnoni.

Round-Up: The Jawa Report, View from the Right, WMD, The Muslim Question, Ten Reasons, Integrated Knowledge, Cdr Salamander, Ubiquitous Thoughts.

Messico: recount immaginario

Non fatevi prendere per i fondelli dalla Reuters o da EuroNews, il recount delle elezioni presidenziali in Messico (che poi non era neppure un vero recount) ha confermato la vittoria del conservatore Felipe Calderon e quella del suo partito (il PAN) al Congresso. Seguite con attenzione il liveblogging di Mark in Mexico e fatevi due risate alle spalle di mainstream media e sinistri in ordine sparso.

Round-Up: Publius Pundit, Blue Crab Boulevard, The Belmont Club, Outside the Beltway.

mercoledì 5 luglio 2006

Il Grande Intrigo/2

Pubblichiamo la versione integrale dell'introduzione, scritta da Renato Brunetta, al libro "Il Grande Intrigo" di Davide Giacalone, in distribuzione in questi giorni insieme al quotidiano "Libero".

"Faccio l’economista di professione, seguo la vita politica e quella della aziende, ma molte delle cose contenute in questo libro, riferite a fatti di cronaca recentissimi ed al processo di privatizzazione della Telecom Italia, le apprendo adesso per la prima volta. Ha potuto leggerle prima solo chi ha approfittato del coraggio di un editore, Rubbettino, che due anni fa mandò in libreria “Razza Corsara”. Prevalse la congiura del silenzio.

Capiamoci subito: questo non è un libro per specialisti, non fatevi ingannare da qualche grafico o da qualche vocabolo più tecnico, perché tutto è spiegato in maniera semplice, queste pagine possono essere lette come un thriller, come una spy story, come un ritratto dell’Italia dei nostri giorni, come un’indagine di (mal)costume e come un’istantanea del mondo economico e dei suoi intrecci con la politica. Ciascuno le legga come vuole, avrà comunque modo di capire cose che nessuno ha voluto raccontare. Basta prendersi il tempo necessario ed il lettore si troverà fra le mani il perché, il come ed il chi di un’avventura che ha fatto defluire montagne di ricchezza dalle tasche dello Stato a quelle di certi privati.

Ancora oggi ci raccontano, i soliti giornalisti, in modo apologetico la stagione delle grandi privatizzazioni, quella di Telecom Italia in testa a tutte. Leggete e scoprite cosa c’è dietro, fatevi un’idea di cosa è stato taciuto e non farete fatica a capire perché lo si è taciuto. Scoprirete anche che alcuni degli scandali che oggi si affacciano sui giornali, dai soldi che Giovanni Consorte prendeva all’estero (per sua stessa ammissione), alla girandola d’intercettazioni telefoniche che ha spiato tutto e tutti, calcio compreso, potevano essere visti, anzi, sono stati visti in anticipo, perché resi possibili da un meccanismo che era stato individuato e denunciato, sebbene nessuno ha ritenuto d’intervenire.

Leggere queste pagine, e scoprirete che Ricucci & C., a confronto, sono gli sprovveduti del quartierino. Ma scoprirete, anche, che se oggi qualcuno va in galera (da presunto innocente, come tutti i cittadini che non siano stati condannati in via definitiva), agli ideatori del sistema non è stata riservata neanche l’attenzione dei mezzi d’informazione. Niente, come se fosse tutto normale, ed invece non lo è affatto.

Maneggiate questo libro come se fosse un romanzo a puntate, ma ricordando che tutti i fatti sono documentanti, nulla è stato inventato, e non trascurando di assorbire quel che più volte sarà ripetuto: i processi si fanno in tribunale, non sui giornali, noi non usiamo le carte delle procure, ma solo e soltanto quel che troviamo nel mercato dell’informazione, quel che conosciamo direttamente, quello che studiamo con attenzione. E, in ogni caso, nessuno può essere considerato colpevole di niente sulla base di una semplice accusa. Ci vogliono i processi, ed il fatto che si celebrino dopo anni è uno scandalo mai sufficientemente deprecato.

E adesso permettetemi d’illustrare brevemente le tappe del racconto, così come le ricordo dopo averlo letto, anzi bevuto, con la suspance di un giallo. Nel primo capitolo si scopre che i casi Cirio e Parmalat non sono isolati, e che i rapporti fra certe aziende e la politica non solo non sono cessati con le privatizzazioni, ma proprio da lì sono ripartiti alla grande, ed in modo niente affatto commendevole. Nel secondo il lettore avrà le vertigini nel leggere certe cifre, nell’apprendere che lo Stato vendette un grattacielo, e con il ricavato acquistò una cabina al mare. Nel terzo apprenderà che tutte le garanzie date dal governo ai risparmiatori sono state tradite. Tutte, e nel giro di pochi mesi.

Roba da pazzi. Nel quarto comincerà a sentir puzza di marcio, perché sarà messo di fronte al meccanismo che portò all’opa di Colaninno, al ruolo di Palazzo Chigi, ed al fatto che Telecom finì nelle mani di società off shore, vale a dire esenti da fisco e da trasparenza, ed è da lì che arrivarono poi le parcelle a Consorte, e non solo a lui, ovviamente. Potrà toccare con mano cosa significa avere un governo ed un’autorità di controllo nelle mani di signori che appartengono (per militanza e candidature) allo stesso partito politico, i democratici di sinistra. Potrà anche assistere allo scontro durissimo fra Prodi e D’Alema, ed all’umiliante sconfitta di Ciampi.

Nel quinto comincia l’amministrazione affidata agli uomini che tanto piacquero a Massimo D’Alema, e con loro arriva la “rapina in pieno giorno” di cui parlò il Financial Times. Qui scoprirà che i signori della quercia (Oak found) erano fra i nuovi proprietari di Telecom Italia. Nel sesto capitolo il triller si sposta in Brasile, dove succede che chi deve comperare una cosa vuole pagare il più possibile, lasciando il forte dubbio che i soldi servano a qualche cosa d’altro. Si scoprono personaggi che possono apparire esotici, ma solo come squali dalla dentatura assassina. Si viene a sapere che mentre il Parlamento brasiliano avvia un’inchiesta alcuni parlamentari di quel Paese si domandano: ma perché i nostri colleghi italiani, invece, non voglio sapere nulla? Si scopre che 810 milioni di dollari (di una società quotata in Borsa) possono essere spesi per non comprare niente. Nel settimo capitolo si fanno due conti: sembra roba per specialisti, ma serve solo a capire quanto forte è stata la mazzata per i risparmiatori.

E non dimenticando che le mazzate continuano a fioccare, ancora oggi, ogni mattina. L’ottavo capitolo racconta la stupefacente storia di come una società quotata in Borsa possa essere venduta di nascosto e pagando all’estero, con il risultato che: a. non si sa chi prende i soldi; b. chi li prende non paga le tasse. E’ qui che i furbetti hanno portato a casa un bel malloppo, ma il libro chiarisce che non si tratta affatto di una pratica consueta, di un costume da affaristi, no, si tratta di una totale deviazione dalle regole del mercato e della trasparenza. E non è finita: di lì a poco chi ha venduto rientra nella proprietà, e si consolida quel gruppo di potere che solo le inchieste giudiziarie sono riuscite a scalfire. Il nono capitolo ci riporta in Brasile, questa volta a far conoscenza con personaggi che chi li frequenta ci tiene a dire che neanche li conosce. La cosa triste è che questi scandali sono già da tempo emersi nel Paese sud americano, mentre da noi sono tenuti sotto una solida cappa di omertà. All’ultimo capitolo il lettore arriva esterrefatto, forse anche frastornato, non sapendo se credere a quel che ha letto, domandandosi com’è possibile che di tutto questo non si parli per ogni dove. E le pagine finali servono a dire che proprio diffondendone la conoscenza si pongono le premesse per un riscatto. Già, perché questi non sono affari di pochi, ma interesse di tutti.

Io sono assolutamente sicuro che se questo libro fosse stato scritto, da persone vicine alla sinistra, per documentare affari fatti da Silvio Berlusconi, per mesi non si parlerebbe d’altro, forse per anni, ed a loro si farebbe un monumento mediatico per inneggiare al coraggio. Con una differenza: che mentre altri scrivono pagine su pagine copiando dagli atti giudiziari ed ignorando assoluzioni e proscioglimenti, noi, al contrario, ribadiamo il nostro garantismo ad ogni pie’ sospinto e documentiamo fatti citando le fonti.

Proprio per questo, cari lettori, non solo v’invito a leggere “Il Grande Intrigo”, ma anche a diffonderlo, a farlo conoscere, a raccontarlo agli altri, ad organizzare presentazioni e manifestazioni. Perché l’onestà sia un valore di tutti, e non un’arma di alcuni (che non meritano di maneggiarla)".

(di Renato Brunetta, introduzione al libro "Il Grande Intrigo" di Davide Giacalone)

martedì 4 luglio 2006

Il Grande Intrigo

Da qualche mese, ormai, partecipo alla cura editoriale dei libri della collana "Manuali di conversazione politica" realizzati dalla Fondazione Free di Renato Brunetta e distribuiti in edicola insieme al quotidiano Libero, diretto da Vittorio Feltri. Non fosse altro che per motivi professionali, dunque, i libri finora usciti me li sono letti tutti. E, onestamente, li ho trovati di altissimo livello, senza alcuna eccezione (non contando, poi, il prezzo davvero basso a cui vengono messi in vendita). Il volume in edicola da oggi 4 luglio, "Il Grande Intrigo" di Davide Giacalone, appartiene però ad un'altra categoria. E mi sento di consigliarlo davvero a tutti. Leggetelo come fosse un thriller da spiaggia, lasciandovi trasportare dal plot e dalla descrizione dei personaggi. Scoprirete, della più grande privatizzazione della storia italiana (quella di Telecom), cose che fino ad oggi avevate soltanto sospettato. Pubblichiamo, qui sotto, la prefazione al libro scritta da Vittorio Feltri.

"Non vi dico che cosa ho pensato dopo una prima veloce scorsa alle pagine che qui di seguito potete trovare. Mi sono imbattuto in termini come Opa, stock option, public company, golden share. Roba da specialisti, ci vuole un master in economia per capirci qualcosa. Roba da addetti ai lavori. Ma poi sono andato avanti nella lettura e sono rimasto di sale. Perché ho capito due cose. La prima è che Davide Giacalone è riuscito a rendere comprensibili a tutti faccende che di solito sono il pane quotidiano per i grandi alchimisti della finanza (e degli intrallazzi). La seconda è che queste faccende non riguardano appunto solo i grandi alchimisti della finanza e degli intrallazzi: riguardano tutti noi per il semplice motivo che riguardano le nostre tasche.

Cerco di spiegarmi. Qui si narra in particolare delle privatizzazioni delle grandi aziende pubbliche. Telecom soprattutto. Ebbene, “privatizzazioni delle aziende pubbliche” è un concetto che, di massima, ci piace, essendo lo statalismo ciò che non ci piace. Insomma alle privatizzazioni in via di principio eravamo e siamo favorevoli. Ovvio: le grandi aziende, quando sono in mano pubblica, di solito vanno male, anzi malissimo. Sappiamo bene il perché: chi ci lavora - dai grandi dirigenti agli ultimi dipendenti - non è molto motivato: sa che, qualunque sia il bilancio a fine anno, la baracca non chiude perché tanto paga Pantalone, cioè lo Stato. La pagnotta quindi è assicurata: perché sbattersi più di tanto? E poi questi grandi carrozzoni di Stato di solito sono diretti da manager scelti in base non alle loro competenze ma alle loro tessere e/o amicizie. Comanda la politica, e questo non è sempre una garanzia di efficienza per un'azienda (parlo per eufemismi).

Ben vengano le privatizzazioni, quindi. I vantaggi sono evidenti. 1) lo Stato incassa denaro fresco e questo lo distoglie almeno in parte dalla tentazione di aumentare le tasse; 2) le aziende privatizzate entrano a far parte di un regime di mercato, ergo di libera concorrenza, e quindi è immaginabile che saranno costrette a sforzarsi di offrire ai cittadini un servizio sempre più efficiente a prezzi sempre più convenienti.

Il libro di Giacalone dimostra che, purtroppo, tutto questo è vero solo in teoria. O meglio: è vero anche in pratica, ma non in Italia. Qui da noi i vantaggi delle privatizzazioni sono rimasti, appunto, pura teoria. Pagina dopo pagina, Giacalone dimostra che è successo quanto segue: lo Stato non ha venduto ma ha svenduto le sue aziende, special-mente nel campo delle telecomunicazioni; poco dopo ha speso più o meno le stesse cifre incassate da quelle vendite per acquistare altre aziende che valevano la metà per non dire un quarto; di conseguenza, i nostri governanti non hanno trovato di meglio che ricorrere alla misura, anzi all'espediente in cui sono maestri: colpirci con altre tasse; infine, le aziende privatizzate continuano a essere condizionate dalla politica, come prima e peggio di prima.

C'è di che deprimersi. Se non fosse che quando si finisce di leggere il libro, invece che depressi ci si ritrova un po' incazzati. Intanto perché abbiamo capito che ci hanno preso per i fondelli e alleggerito il portafogli. E poi perché finalmente abbiamo la prova di quanto abbiamo sempre sostenuto, e cioè che gli affari li fa anche la sinistra, eccome: con la differenza che li fa nel silenzio e nell'impunità generale. Leggete le pagine che seguono e provate a farvi una domanda: che cosa sarebbe successo se fosse stato un Berlusconi a trafficare la metà, anzi un decimo di quanto hanno trafficato i politici del centro sinistra? Lasciamo perdere. Avete già capito. Meglio non rovinarsi il fegato e far tesoro di quanto ci informa Giacalone. Prima o poi ci servirà, eccome se ci servirà".

(di Vittorio Feltri, prefazione al libro "Il Grande Intrigo" di Davide Giacalone)

4th of July

TocqueVille Round-Up: Oggettivista, Pro American Movement, 1972, Il Megafono, Cuore Ribelle, Il Rumore dei miei venti, Il Sorvegliato Speciale, Happy Trails, Il Fronte Occidentale, Blacknights, Krillix, Creez Dogg in tha Houze. Le guerre civili, Yet Another Pajamas Blog, UpL. Da leggere anche lo splendido post di Robinik. p.s. Sarà un caso, ma da qualche giorno New Blog New Blog è tornato a vivere. Bentornato Umberto! :)

Viva Mexico!


Dopo una caldissima notte elettorale, il conservatore Felipe Calderon (Partido Accion Nacional), ha battuto il candidato della sinistra Andrei Manuel Lopez Obrador (Partido Revolucionario Democratico) nelle elezioni presidenziali messicane. A meno di novità clamorose che potrebbero venire dal recount chiesto dalle sinistre (malgrado i 400mila voti di distacco: 36,38% contro 35,34), i cittadini messicani hanno dunque scelto di confermare la linea filo-americana e liberista seguita dal presidente uscente, Vicente Fox. Inoltre, alle elezioni per il rinnovo del Congresso, il PAN ha raggiunto la maggioranza dei seggi, mandando finalmente all'opposizione - dopo 71 anni - il PRI (il Partido Revolucionario Institucional che presentava come candidato alle presidenziali Roberto Madrazo, arrivato terzo con il 21,57% dei voti).

Per ricostruire tutte emozioni di questa lunghissima notte elettorale, vi consigliamo lo stratosferico liveblogging di Michael Barone (uno dei migliori reporter politici americani) per Real Clear Politics. Questo, sempre su Real Clear Politics, è il commento di Barone a spoglio delle schede terminato. Come scrive Don Surber, con la vittoria di Calderon i tre paesi del Nord America - Stati Uniti, Canada e Messico - sono, per la prima volta dopo decenni, saldamente in mano ai partiti del centrodestra. E questo rappresenta un durissimo colpo per i mainstream media abituati a cantano le lodi della deriva castrista in America Latina, se il Washington Post (via NewsBusters.org) arriva a scrivere che 400mila voti di distacco sono "quasi un pareggio".

Round-Up: Mark in Mexico, Fruits and Votes, Bloggings by Boz, The Sundries Shack, Decision '08, BrothersJudd, The StrataSphere, Pajamas Media, Moc's Blogs, Instapundit, Polipundit, Blogs for Bush, Right side of the Rainbow, Academic Elephant, Hit&Run, Betsy's Page, The Irish Trojan's Blog, Iowa Voice, The Conservative Voice, Publius Pundit.

domenica 2 luglio 2006

Liberismo di classe

"Se un governo riesce a «vendere» mediaticamente l'introduzione della class action come un qualcosa di liberale, ciò significa che questo può «colpire», se vuole, come e quando crede".

Tutto quello che andava scritto sulla "rivoluzione liberista" del pacchetto Bersani l'ha già scritto Daniele su Semplicemente Liberale. (Ottimo anche il post di Astrolabio).

sabato 1 luglio 2006

Contropiede

Il Washington Post racconta come i Repubblicani stanno cercando di trasformare una sconfitta legale (quella della Corte Suprema su Guantanamo) in una vittoria politica. Mettendo sotto pressione i Democratici e costringendoli a dire, una volta per tutte, da che parte stanno nella war on terror. Lettura obbligatoria per politici ed aspiranti politici del centrodestra italiano.

Round-Up: Blue Crab Boulevard, The Influence Peddler, Below The Beltway, The Heretik.

Oops!

E' ufficiale: in Iraq le armi chimiche c'erano. E le loro caratteristiche rientrano, come spiega il Dipartimento della Difesa americano (via The American Thinker) nella categoria "armi di distruzione di massa" prevista dalla Chemical Weapons Convention del 1993. Adesso chi glielo spiega ai pacifinti? Altri commenti su Security Watchtower, Sister Toldjah e Medary.com.