giovedì 19 gennaio 2006

Compagni di viaggio

Speriamo che qualcuno, come noi, stamattina abbia ascoltato su Radio Radicale il filo diretto con il sottosegretario agli esteri Margherita Boniver, che personalmente, fra l’altro, non è che ci ispiri poi una particolare simpatia. Il sottosegretario, dicevamo, ha esordito ricordando che oggi ricorre il sesto anniversario della morte di Bettino Craxi, ha comunicato che vi saranno due commemorazioni e poi via alle telefonate. Ed eccolo lì, in diretta, il bel popolo della sinistra, le anime belle del garantismo a senso unico, quelli dei diritti umani e dall’animo buono, ancora schiumanti di rabbia e di livore, rantolanti di odio come se non fosse passato un giorno. "Voi socialisti vi dovete vergognare, siete la vergogna di questo paese, ladri schifosi, dovreste stare tutti in carcere, viva la magistratura, la figlia di Craxi non ha il diritto di parlare in televisione...". Questo è stato il senso e il tono della gran parte degli interventi (questa, sì, una vergogna). Ma si sa che alla sinistra non è mai bastato avere un cadavere, ha bisogno di appenderlo per i piedi e di sputarci sopra. E complimenti a chi se l’è scelta come compagna di viaggio. [Babs]

Nessun commento: